martedì 9 aprile 2013

Torta Tartufo (calda o fredda?). L'attesa.

Le nostre vite sono fatte spesso di attese. Aspettiamo. Cosa? Tutto.
Sin da bambini ci insegnano che non possiamo avere subito ciò che vogliamo. Dobbiamo
aspettare il momento opportuno per giocare, mangiare, comprare qualcosa, andare a fare una passeggiata. Crescendo, la responsabilità di dover aspettare diventa completamente nostra: aspettare l'occasione giusta da non farsi scappare, aspettare il momento opportuno per dire certe parole a qualcuno, stabilire delle priorità e aspettare di
risolvere quelle più urgenti prima di poter pensare alle altre, ma anche semplicemente cose che non dipendono da noi e in cui ci imbattiamo quotidianamente come aspettare che si liberi un tavolo al ristorante, che arrivi il tuo turno dal parrucchiere, che la fila in 
macchina si liberi per tornare a casa da chi ami... quanto tempo sprecato.
Si può anche aspettare qualcosa di bello, e in quel caso tutto il gusto sta proprio 
nell'attesa, nella consapevolezza che sarà seguita da qualcosa di piacevole come quando si aspetta l'avvicinarsi del giorno fissato per la partenza per un bel viaggio o per un'occasione speciale, ma diciamoci la verità, la parola "aspettare" evoca subito l'idea di essere 
bloccati, di non poter andare avanti verso ciò che si desidera.
E' un pensiero diffuso che una lunga attesa renda il raggiungimento di una meta 
ancora più gioioso e ricco di soddisfazione, a patto però che la meta non si trasformi 
in un orizzonte che resta sempre lì, alla stessa distanza, mentre cammini per avvicinartici. A tutti voi che aspettate qualcosa a cui tenete, auguro buona fortuna.

***

Di certo le vostre dispense saranno piene di cioccolato delle uova di Pasqua,
quindi oggi vi propongo un modo semplice e veloce per trasformarlo in un dolce
goloso, e senza pretese, che trova nel suo aspetto essenziale, un punto di forza. 
Basta unire pochi semplici ingredienti, di quelli che bene o male abbiamo sempre in casa,
per ottenere un dolce dalla consistenza corposa e ricca e dal marcato gusto di cioccolato.

Unica accortezza, lasciar riposare la torta per diverse ore prima di mangiarla
(visto che nelle vita finisce sempre che si deve aspettare anche per le cose più semplici?).
Non c'è nulla che non vada nel mangiarla appena sfornata, ma l'albume montato a neve
conferisce una consistenza spumosa che rende la torta ancora calda molto soffice, umida e facile alla rottura (nessuno vieta di preferire poi proprio questa opzione), mentre il riposo rende il tutto più stabile e dona quella corposità "cioccolatosa" che mi ha fatto optare per il nome Torta Tartufo e per il semplice decoro di cacao in superficie tipico dei tartufi.




per uno stampo da 18 cm di diametro
Ritagliate un foglio di carta da forno a misura del fondo dello stampo in cui cuocerete la torta, ungetelo di burro e tenetelo da parte. Imburrate i bordi dello stampo facendolo con cura anche lungo la piega fra questi e il fondo della teglia, quindi posizionate il foglio con la parte unta verso l'altro e infarinate il tutto facendo poi cadere la farina in eccesso.

Fate fondere al microonde 50 g di cioccolato fondente con 100 g di cioccolato al latte. Aggiungete 35 g di burro a temperatura ambiente100 g di latte intero caldo e mescolate per unire i due ingredienti, quindi amalgamate sempre mescolando un tuorlo (tenete l'albume da parte) e un cucchiaino di estratto di vaniglia. 
Aggiungete 15 g di farina 00, 15 g di cacao amaro e una punta di cucchiaino di bicarbonato. Il composto sarà piuttosto consistente, ma riuscirete comunque a lavorarlo col cucchiaio.

Montate l'albume tenuto da parte, assieme a 20 g di zucchero, a neve ben ferma e unitelo al composto al cioccolato mescolando con cura dal basso verso l'alto per non sgonfiarlo perdendo l'aria che ha inglobato e che farà crescere la torta in cottura.
Versate il tutto nello stampo e infornate a 180° per circa 30 minuti, sfornate e lasciate raffreddare prima di sformare la torta capovolgendola e rimuovere il foglio di carta forno.

Per la glassa mettete a sciogliere al microonde 75 g di cioccolato fondente e aggiungete 30 g di latte intero caldo. Mescolate dolcemente per amalgamare completamente i due ingredienti senza formare bolle d'aria e otterrete una glassa piuttosto fluida. Versatela al centro della superficie della torta e cominciate a spatolarla poco a poco verso i bordi. La fluidità della glassa vi permetterà di lavorare con facilità scivolando lungo le superfici.
Quando questa copertura comincia a solidificare, decorate la torta con del cacao amaro facendolo cadere da un passino a maglie fitte. 


A seguire vi lascio la foto di una fetta di questa torta ancora tiepida (che ho arricchito con
dei pistacchi tostati) in modo che possiate farvi un'idea della differenza di consistenza e scegliere la variante che più si addice ai vostri gusti.
Se scegliete questa opzione, una buona idea per la presentazione è quella di cuocere e servire questo dolce in cocottine o formine individuali visto che è molto difficile ottenere fette di torta dalla forma regolare.



68 commenti:

  1. ma che meraviglia, adoro il cioccolato
    passa a trovarmi ;)

    http://muchoney.blogspot.it/

    RispondiElimina
  2. che meraviglia!!! beh si può optare anche per la soluzione teglia unica e a ciascuno il suo cucchiaino....tipo tiramisù:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma in questo caso deve esserci tanto amore a tavola :o)

      Elimina
  3. Ciao Valentina, assaggerei volentieri tutte e due le versioni, una fetta ancora tiepida e una fetta lasciata riposare!!! Una vera delizia questa torta, bravissima!!!
    Bacioni, buona settimana :)

    RispondiElimina
  4. Come hai ragione.. l'attesa è bella se sai che la meta la si raggiungerà per davvero.. ma quando tu cammini.. e la meta sembra allontanarsi ad ogni passo che fai.. è dura!!! Buonissima la tua torta.. direi.. estremente goduriosa.. una pure tentazione di cioccolato!! che voglia di asaggiare.. ecco.. altra metà irrangiungibile ahahaha.. smackk

    RispondiElimina
  5. Tesoro essendo ansiosa di natura l'attesa mi logora e più che attendere mi piace agire ma solo per non farmi venire una gastrite cronica!!!Questa torta al cioccolato è dritat nella mia lista di dolci da provare!!Bacioni,imma

    RispondiElimina
  6. Grazie per l'augurio..capisco perfettamente il senso delle tue parole..a volte l'attesa distrugge...a volte non porta a nulla...a volte, porta al risultato sperato..qualunque cosa tu stia aspettando..spero che arrivi presto.
    Questa torta è un sogno..che meraviglia !
    Ti abbraccio :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono ritornata...e sto sbavando di nuovo...mannaggia..ma che tentazione che è questa torta...secondo te, la dipendenza dal cioccolato è una malattia ?? Ahahaha !
      Baci !

      Elimina
    2. Ah aha ah! Purtroppo sì e te lo dice una che ha varie dipendenze da cibo.
      :o***

      Elimina
  7. ciao cara, anch'io in questi giorni sto continuando a riciclare uova, oggi per esempio ho pubblicato una cheesecake ai 3 cioccolati, passa a vedere: una vera goduria!
    La tua torta tartufo è favolosa come sempre del resto...avevo provato anch'io a fare una foto con i pezzi di uovo di cioccolato ma non era venuta una schiccheria come la tua e quindi ho dovuto rinunicarvi...come fai ad essere così perfetta??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ps. bella la riflessione sull'attesa, condivido a pieno...e grazie per l'augurio, spero di realizzare i miei sogni prima o poi e auguro lo stesso anche a te... :)

      Elimina
    2. Grazie Ale, in questi tempi bui ogni tanto ci vuole una bella notizia :o)
      Un bacione grande.

      Elimina
  8. Mi hai toccato un nervo scoperto con questo argomento sai ?
    è una vita che aspetto...per questo e per quello anche le cose più stupide mi riescono sempre faticose e infinite ma poi mi conforto perchè ho la fortuna di arrivare allo scopo,questo è l'essenziale!
    Mi salvo la tua ricetta che trovo ottima per smaltire un pò di cioccolato e poi è buonissima questa tortina,grazie ;)
    A presto
    Z&C

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ti capisco Ketty... alle volte proprio mi incavolo e mi dico "ma manco le cose più sceme riesco a fare con semplicità?!".
      Speriamo che alla fine, come te, raggiungerò lo scopo.
      Un bacione :o***

      Elimina
  9. Fantastico, sto trattenendo l'acquolina in bocca a fatica :P

    RispondiElimina
  10. avevo giusto 2 uova con le quali dovevo fare una ricetta...me ne è appena caduta una...cosa faccio adesso? ma ovvio, la tua torta salvatrice, e mi sa che io preferirò la seconda versione...non ho mai saputo aspettare...ciò mi ha reso senza dubbio una persona poco precisa e paziente ma...son fatta così, ho imparato ad accettarmi. tu sei un ingegnere della pasticceria, e io ti adoro...ma questo già lo sai ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao fatina, ma è quella che ho visto su FB ieri?
      PS Purtroppo anche io sono un tipo impaziente :oP

      Elimina
    2. si!!! ho cambiato qualcosina ma il succo è questo....ti scoccia che ti rifaccio sempre le ricette??? non resisto!!!! presto la pubblico, se me lo concedi ;)

      Elimina
    3. Ma figurati fatina, certo che puoi. E poi tu citi sempre il mio blog quando lo fai e ci sono alcune persone che mi hanno conosciuta proprio grazie a te.

      Elimina
    4. di questo sono proprio felice!

      Elimina
  11. Vabbè hai deciso di fare svenire tutti quelli che apriranno questa pagina??? Che goduria infinita!!!!!

    RispondiElimina
  12. A volte l'attesa logora e distrugge ma in altri casi è il momento più bello. Dipende un po' dalle circostanze.
    In questo caso, l'attesa di una fetta di torta così golosa sarebbe molto piacevole ma mai quanto poterla assaporare...lentamente...a occhi chiusi :D!
    Con quella colata di cioccolato sopra è goduria allo stato puro!
    Un bacione tesoro, buona settimana

    P.S. non dirmi che hai dei dubbi sulla mail alla FIP!!! Di corsa a scriverla, forza ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ho qualche dubbio... vabbè, magari ci penso su ancora un po' :o*

      Elimina
  13. Calda o fredda, per me è indifferente!! :-D
    Da fan sfegatata del cioccolato, non saprei resistere e ne mangerei una fetta appena sfornata...il resto, con tutta calma!! ;-)

    RispondiElimina
  14. Il cioccolato è buono sempre , e la tua torta è molto bella e invitante

    RispondiElimina
  15. wow! che meraviglia...ottimo modo per usare tutto quel cioccolato nascosto in dispensa!!

    RispondiElimina
  16. Ti ringrazio... l'attesa è attesa e alcune volte è deprimente ma con un raggio di sole alla fine (forse).
    Torta deliziosa e golosissima,...un ottimo rimedio per le uova!!!gnammy! buona giornata

    RispondiElimina
  17. qui non si usa il cioccolato x pasqua ma che delizia hai fatto!!!

    RispondiElimina
  18. Tesoro io sono un impaziente per natura... col tempo ho imparato che tutto arriva (o quasi) proprio per chi sa aspettare... ci sto ancora lavorando a 31 anni e devo dire con pessimi risultati... infatti non saprei aspettare nemmeno il raffreddamento della torta :D ma sono sicura che anche meno compatta è un capolavoro di golosità unica... come tutto quello che arriva da qui:* ti abbraccio, buona settimana e complimenti per la rivista... ho visto la tua proposta.. grande team, composizioni e ricette:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Simona, le 3F hanno fatto un lavorone!

      Elimina
  19. buona, buonissima, brava, bravissima.Complimenti, che goduria, un pezzo lo mangerei volentieri e penso tutti quelli che loa vedranno. Un bacione

    RispondiElimina
  20. Che meraviglia, sto riampiangendo di avere solo avanzi di uova di cioccolato al latte (non fondente)! ;)

    RispondiElimina
  21. Che buona e che bella, direi che il nome tartufo è proprio azzeccato. La proverò e proverò ad aspettare (ahimé) che si raffreddi, ma dubito di non cedere alla tentazione :) Un bacio Fede

    RispondiElimina
  22. ho appena finito di mangiare...ma se potessi averne una fetta di questa torta favolosa ci sarebbe comunque ancora spazio nel mio pancino!!! woooow super goduriosa!

    RispondiElimina
  23. Eccomi... Io, come dici bene tu, passo già molto tempo in attesa che alcune cose si concretizzino e quindi mi risulterebbe impossibile farlo vedendo una tale delizia! Mi ci tuffo! Come si può resistere?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione anche tu, in definitiva già siamo costretti ad aspettare per le cose serie, almeno con un dolce possiamo lasciarci andare all'indisciplinatezza :o)

      Elimina
  24. l'attesa...anche di un responso medico piuttosto importante....ansia e trepidazione, paura e curiosità...sentimenti contrastanti e fortissimi...
    Questo dolce è davvero il tripudio della libidine!
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  25. Secondo me dire che ho l'acquolina davanti a queste foto non rende bene l'idea... forse dire che sto letteralmente sbavando, si :D Lo so, pare brutto ma è così :D Tendenzialmente so aspettare, ho una grande pazienza... poi ovvio che a volte la perdo anche io, eh ;) Vale, ti abbraccio forte, complimenti sempre per tutto ciò che fai <3 :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vale.
      Che hai pazienza si intuisce dai tuoi lavori con la pasta di zucchero :o)
      Ti abbraccio.

      Elimina
  26. Tesoro.. Che belle parole. Grazie per l'augurio.. Spero che anche tu possa trasformare qualunque attesa in un bel evento qualunque sia. Una torta come sempre ineccepibile. Da Ale ho assaggiato la soldino... Meravigliosa. Ale ti adora assai e io non riesco proprio a darle torto, hai un talento innato:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vaty, se accadrà lo saprete subito :o)
      Ale è veramente carinissima.
      PS Mi fa piacere che ti sia piaciuto il maxi soldino.

      Elimina
  27. L'attesa è una cosa che mi piace. Mi piace perché mentre aspetto posso ritagliarmi un po' di tempo per me, per la mie idee, per pensare. O per pregustare. Mi piace aspettare qualcosa, anche la più piccola cosa, come una passeggiata o un tè con gli amici. O una vacanza! Non mi piace invece quando l'attesa diventa ansia, preoccupazione. Insomma... mi sa che la penso un po' come te. Uova di cioccolato? 5, e non c'è nemmeno un bimbo che gira per casa... quindi mi sembra il minimo provare questo dolce! Un bacino, Sere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qui nessun bimbo, ma circa una decina di uova (fra le quali uno di cioccolato al latte da 4 chili che non so davvero come smaltire) :o)
      Bacio.

      Elimina
  28. Nessun uovo, per scelta. Se ho voglia di cioccolato acquisto le tavolette quando ne ho voglia durante l'anno. Sai come la penso a proposito. In ogni caso qs torte mi conquistano e comprerò del cioccolato per prepararla! :-)
    Per quanto riguarda l'attesa, beh, è vero che siamo sempre in attesa ma personalmente vorrei riuscire a vivere il momento e non l'attesa. Non posso pensare di essere in attesa e non vivere il presente (o viverlo come attesa, come una sospensione, come una pausa prima di qualcosa) perchè non sto facendo quello che voglio fare. Un po' come quelle persone che vivono 11 mesi l'anno in attesa delle vacanze o 5 gg la settimana in attesa del w/e. Il senso di attesa dovrebbe essere azzerato perchè il piacere del momento è vivere il presente, l'hic et nunc (qui e adesso) per godere appieno di ogni istante della vita. Ma questa è roba per alieni e non certo per umani! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, bisognerebbe proprio riuscire a farlo... ma da dove si comincia? :o)

      Elimina
  29. ciao mon trésor, ho fatto una tua ricetta (riuscitissima) e sei stata nominata, passa a trovarmi:
    http://www.dolcementeinventando.com/2013/04/pain-perdu-alluovo-kinder-unidea-di.html
    grazie cara di essere quella che sei!
    Ale.

    RispondiElimina
  30. Eh si! Si attende sempre e a volte si fa lo sbaglio di vivere male il presente.
    Grazie per l'augurio e complimenti per questo dolce godurioso.

    RispondiElimina
  31. Ciao Valentina,
    hai ragione la vita è fatta di attese... alcune belle ed altre meno... fatto sta che se uno la prende nel verso giusto anche l'attesa fa parte della vita e per tanto io ho imparato ad accettarla...
    Questa torta è molto raffinata... e sicuramente deliziosa....

    RispondiElimina
  32. Questo post cade proprio a fagiolo e poi è così in linea con i miei bundt cakes. Strepitosa come sempre! Bacio

    RispondiElimina
  33. Quest'aspetto della vita è stato sempre protagonista nella mia..mi ha però sempre ripagata ;)
    Torta fantastica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annalisa :o)
      Spero di essere ripagata anche io per tanta attesa.

      Elimina
  34. Non sono una che ama attendere eppure nella mia vita ho fatto lunghe attese a volte lunghissime, forse per questo non amo i lavori che si trascinano a lungo, voglio vedere subito i risultati. Mi piace la fotografia, la pittura e la cucina veloce. Mi piace internet dove puoi parlare con tutti contemporaneamente! Non mi piace il ricamo, la maglia, il thai-chi dai gesti lentissimi che mi snervano e neppure la meditazione eheheheh
    Ma aspettare l'indomani perché la torta è più buona, quello si, mi piace!
    Ciaoooo!

    RispondiElimina
  35. L'attesa non mi piace, ma ho imparato, vivendola spesso, ad avere pazienza, ma a me ce ne vorrà tanta per non essere tentata da questa torta strepitosa, non posso attendere la devo assaggiare!!! Bacio :)
    Rosalba

    RispondiElimina
  36. Odio aspettare Vale, sono un'impaziente nata, anche se sempre rispettosa del prossimo...non ho mai tentato di scavalcare nessuno in fila..e detesto quelli che lo fanno!!
    Problema: qui delle 6 uova arrivate alle due pesti non è rimasto nemmeno un briciolo di cioccolato..così mi tocca 'aspettare' di comperare del cioccolato per provare a fare questa torta tartufosa che mi ispira assai!
    Bravissima, come sempre!! Roberta
    n.b. spero che i problemi a cui ti riferivi siano risolti o siano in fase di...non ti preoccupare se non hai molto tempo, ti penso ugualmente!! In caso vengo io da te! <3

    RispondiElimina
  37. L'attesa è un buon allenamento, difficile ma di grande soddisfazione; alle volte aspettare, non muoversi, non agire sono in sè delle vere e proprie scelte, delle "azioni" a tutto tondo. Poi la ricompensa è triplicata. Nell'attesa c'è il desiderio, il pensiero, l'attivazione dell'anima. Tutto e subito non è la stessa cosa, mi era rimasta impressa la frase di Tom Cruise in Vanilla sky, quando si stavano quasi per baciare e lui o lei hanno confessato di voler aspettare perché erano dei "rimandapiacere". C'è un senso in questa attesa che andrebbe valorizzato. Ti ho rotto abbastanza? Invece queste sono le mie torte preferite come hai potuto verificare ^-^ umide e cioccolatose, adoro il riciclo in cucina, la filosofia del non si butta via niente è un must, una vera scelta di vita. Questa la segno per il prossimo viaggio nella terra dell'oro nero, … per ora non mi resta che aspettare e attivare l'immaginazione! un baciotto e buona giornata mony

    RispondiElimina
  38. Lo sai che ogni volta che passa da te mi vengono le lacrime agli occhi? Adoro ogni tua ricetta, sono una più golosa dell'altra *_*
    Questa mi sa mi sa che la faccio moooolto presto ;)
    Baci

    RispondiElimina
  39. Io voglio provarla tiepida, mi ispira tantissimo!
    So che te lo dicono in tanti, ma volevo approfittarne anche per farti i complimenti per le foto! Anche io uso una compatta di solito e vedere i risultati che ottieni tu è uno stimolo continuo :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentine, ci tengo molto alle foto, quindi è un bellissimo complimento.

      Elimina
  40. Vabbè però con questo cioccolato che cola vuoi la morte della mia linea!!! ^_*

    RispondiElimina

Per qualunque commento, o anche per eventuali perplessità, scrivetemi pure. Sarò lieta di rispondervi (nessuna parola di verifica richiesta).

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...