sabato 28 aprile 2012

Dalle Perle alle Cozze... ma con Spaghetti Cremosi

La volta scorsa s'è parlato d'eleganza e perle, oggi... di cozze!
Già so che in tanti proprio non ne vogliono sapere di mangiare le cozze.
Inoltre mi sono resa conto che molti si scoraggiano facilmente all'idea di preparare 
piatti a base di pesce quando in realtà non ce ne sarebbe affatto motivo.
Se c'è un pregio nei frutti di mare è che sono talmente gustosi che meno
gli si aggiunge, sia in termini di manipolazioni, cotture e ingredienti, e meglio è!
Faccio un esempio concreto: per preparare una pepata, basta pulire accuratamente
le cozze, metterle in pentola, aggiungere del pepe, coprire e cuocere a fuoco vivo
fino a che i frutti non si aprono liberando i propri liquidi. Fine.
Inoltre sono pronte appena si aprono e anzi, cuocerle a lungo le rovina
(diventano piccole e stoppose), quindi sono anche un piatto velocissimo.
Sarà che vivo in un luogo di mare, sarà che il pesce è presente piuttosto spesso sulla
nostra tavola (ma mai quanto vorremmo e quanto sarebbe opportuno per la salute),
sarà che negli anni ho imparato ad assaggiare praticamente di tutto, 
ma io le trovo deliziose, soprattutto quando si ha la fortuna di
"beccare" quelle giuste, saporite e dalla polpa soda e gustosa.
Si dice che le cozze non andrebbero mangiate nei mesi con la R. Non si tratta di pura
superstizione, ma semplicemente del fatto che in questi mesi  (da Marzo a Dicembre)
le cozze sono in fase riproduttiva. Vi è mai capitato di prepararle e poi trovarle
piuttosto lattiginose? E' proprio quello di cui sto parlando.
In questo caso le ho preparate con gli spaghetti in bianco, senza nemmeno un 
grammo di pomodoro, perchè fosse presente tutto il loro aroma, adottando delle
piccole accortezze al fine di ottenere un condimento veramente cremoso.
Scattando le foto ho cercato proprio di rendere l'idea della consistenza
del sugo, spero di esserci riuscita :o)
Vi lascio con una domanda. Dal momento che in natura esistono creature
esteticamente ben più sgradevoli di questo mollusco (anche fra gli umani), 
perchè di una brutta donna si usa dire proprio che è una cozza?

Da un po' di tempo ormai ho aperto un account su Pinterest e dato che
ho raccolto un buon numero di splendide fotografie sul cibo, voglio invitarvi a
clickare sul link che trovate nella sidebar a sinistra per dare una sbirciatina.
Credetemi, è un'infinita fonte di ispirazione e troverete anche una cartella
riservata alle foto delle mie ricette che, se clickate due volte, portano 
direttamente alla pagina corrispondente in questo blog.




Per 4 persone
Togliete a 1 Kg di cozze il filamento che fuoriesce lateralmente, quindi rimuovete con un coltellino i filamenti più evidenti sul guscio e strofinatele energicamente fra di loro sotto l'acqua prendendole a mucchietti fra le mani. Tenetele da parte.
Versate in padella un abbondante filo d'olio d'oliva, un grosso spicchio d'aglio grattugiato (o passato allo schiaccia aglio) e dei gambi di prezzemolo schiacciati.
Mettete le cozze in una padella capiente e cuocete col coperchio e a fuoco vivo. Nel giro di pochi minuti i frutti si apriranno formando un gustoso e profumato sughetto. Mescolate brevemente con una paletta e se vedete che tutte le cozze si sono aperte spegnete il fuoco.
Alcune rimarranno chiuse, non forzatele per aprirle, ma eliminatele. Rimuovete i gambi di prezzemolo. Non salate il sugo e anche se lo vedete liquido non fatelo tirare.

Io a questo punto elimino quasi tutti i gusci lasciandone solo alcuni perchè li trovo decorativi, ma in linea di massima trovo sia meglio servire questi spaghetti con gran parte dei frutti già sgusciati per evitare la classica manovra di sgusciarli tutti prima di cominciare a mangiare lasciando che la pasta, per quanto cremosa, si incolli o si raffreddi.

Cuocete 400 g di spaghetti tenendo in caldo il sugo in padella, quindi scolateli (tenendo da parte un abbondante bicchiere di acqua di cottura) 2-3 minuti prima che sia passato il tempo di indicato sulla confezione e lasciate che finiscano di cuocere in padella a fuoco vivo mescolando o saltando la pasta. Aggiungete anche una macinata di pepe e una manciata di prezzemolo tritato.
Se vedete che il sugo comincia ad asciugarsi troppo aggiungete mano a mano un po' dell'acqua della pasta tenuta da parte. 
In questo modo gli spaghetti risulteranno pieni di sapore perchè finiranno di cuocere assorbendo parte del sugo e l'amido liberato dalla pasta, insieme a quello presente nell'acqua di cottura che aggiungerete, creeranno un condimento cremoso che avvolgerà la pasta senza scivolare via pur restando fluido (i miei genitori, campani, dicono che il sugo deve essere "sciuliariello").
Assaggiate gli spaghetti per vedere se sono al dente e servite immediatamente.



52 commenti:

  1. Bella domanda, me lo son sempre chiesta anch'io perchè di una brutta donna si usa dire che è una cozza. E di un uomo brutto...perchè si dice che è un carciofo? E' un oltraggio ai carciofi!
    ehm, scusa la divagazione e torniamo allo spaghetto! Non puoi farmi venire fame alle 6 di mattina cavolo! Ci sei riuscita in tutto e per tutto a rendere la cremosità del condimento e arriva pure il profumino! basta...vado via che a ora di pranzo manca un bel po' e non troverò neanche questo piatto strepitoso :(! Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  2. ciao Valentina, eh sì è un po' insolito vedere qui in rete una ricetta di cozze, a me piacciono tantissimo e l'ho proprio scritto ieri neanche a farlo apposta.
    Da me purtroppo è sempre difficile trovare la freschezza di questi prodotti e quindi evito, ma quando vado al mare è una delle prime cose che mangio, In Francia poi sono spettacolari e sono capace di mangiarle sia a pranzo che a cena accompagnate da un buon vinello bianco.
    Il tuo piatto è delizioso e mi fa venire l'acquolina in bocca anche alle 6 del mattino.
    un bacione
    sabina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora ti auguro di farne una bella scorpacciata per questo viaggio
      PS Ho visto che in Belgio le vendono anche per strada e si mangiano con le patatine!

      Elimina
  3. Un piatto che va alla grande con tutti quei sapori del mare con tanto di profumo.

    RispondiElimina
  4. Che meraviglia!! Io vivrei di pasta alle cozze e pasta ai frutti di mare! Fa tanto estate, bellissima.

    RispondiElimina
  5. sto guardando le foto sul tuo account pinterest, no ma tu vuoi uccidermi!!!!! mamma mia ma che robe ci sono???!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono ipnotiche vero? :o)
      Io a volte devo chiudere perchè mi si scatena una faaaame...

      Elimina
  6. Anch'io abito vicino al mare e voglio spezzare una lancia a favore del pesce, che nonostante sia indiscutibilmente caro ha il sicuro pregio di non aver bisogno di niente per essere buono, pochissimo condimento e cottura breve. E fà benissimo, quantomeno a noi, meno ai nostri portafogli già molto provati ;-)

    RispondiElimina
  7. ti è venuta una meraviglia, complimenti e buon we

    RispondiElimina
  8. Ciao Valentina! :) Io amo le cozze e le cucino praticamente spesso e, oltre a cucinarle a casa, le mangio spesso anche al ristorante... Davvero la fine del mondo!!! :D Per quanto riguarda la tua domanda, beh non so davvero perchè le donne brutte vengano paragonate alle cozze però chissene, sono troppo ma troppo buone!! :) A presto!!

    http://latavolaallegra.blogspot.it

    RispondiElimina
  9. Anche io amo le cozze e questo piattino di spaghi me piace assai!! :)
    Un bacio e buon weekend

    RispondiElimina
  10. Buongiorno ! A me le cozze, piacciono, e le mangio sempre molto volentieri. Come te sono fortunata perchè vivo a due passi dal mare, quindi il pesce è sempre bello fresco. Le cozze mi piacciono in tutti i modi, ma non le mangio crude ( come del resto anche gli altri frutti di mare ).
    Questo spaghetto è favoloso, ed è proprio come piace a me, in bianco, senza pomodoro. E comunque secondo me la cozza ha anche un suo fascino ;) Buona giornata !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potremmo scriverci un trattato... "Il fascino della cozza" ;o)

      Elimina
  11. Un plato estupendo,me gusta mucho.
    Besos

    RispondiElimina
  12. Ecco un piatto che mi fa pensare al mare! Mi pacciono tantissimo le cozze e le cozze con gli spaghetti sono deliziose!! Gnammy! Buon week end

    RispondiElimina
  13. a me piacciono tantissimo, invece, come del resto tutto il pesce che ho imparato ad amare crescendo, peccato non abitare in un posto di mare...mi rifarò in sicilia quest'estate!

    RispondiElimina
  14. Buonissimi gli spaghetti con le cozze! è proprio vero che meno si aggiunge e meglio è, tanto sono così saporite che fan da se! :)
    Ci vediamo su pinterest allora...vado subito a sbirciare le tue foto!
    Nelly

    RispondiElimina
  15. In questa versione ho sempre mangiato le vongole (le cozze non mi fanno impazzire) e devo dire che è uno dei pochi primi di pesce che adoro!
    Su pinterest detto-fatto ....anche per me è una droga! :)
    Buon weekend

    RispondiElimina
  16. tu hai genitori campani e abiti in Sicilia... Quindi chi meglio di te può cucinare egregiamente pasta e soprattutto pesce? Divino questo piatto...per il quesito proprio non saprei...era qualcuno a cui le cozze non piacevano, ovvio! Buon weekend..

    RispondiElimina
  17. Due spaghi così...io me li farei prorpio! :o) Buon we

    RispondiElimina
  18. ohi Vale!! Buono lo spaghetto e io contrariamente al fatto del mio essere lombarda, ormai l'unica fonte di proteine che assumo è quella che arriva dal pesce. Ho visto le foto su Pintarest e la prima ragione per cui ho aperto il mio blog è la food photography. Grazie per la condivisione :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà cos'è che ci incanta tanto in quelle immagini.
      Intendo dire che al di là dei colori, delle forme, delle luci, dell'appetibilità del cibo fotografato... cos'è che ci prende a livello profondo? Perchè questo bisogno di "collezionare" le immagini, conservarle per non lasciarle andare via?
      Terapia di gruppo per tutte? :o)

      Elimina
    2. Sai che non lo so cos'è che ci incatena a quelle foto? Personalmente la cosa che mi attira di più è la materia, la grana del cibo, il fatto di vederlo così 'tridimensionale' da voler allungare un dito per toccarlo. Sì sì, terapia di gruppo, mi sa che hai proprio ragione :-P

      Elimina
  19. dalle perle alle cozze sempre la stessa accuratezza ed eleganza!
    complimenti anche per i tuoi pin!

    buon we
    roberta

    RispondiElimina
  20. Sei sempre la migliore. e grazie per avermi consigliato Angelina, dal tuo post.
    Mi sono commossa in quel piccolo angolo di mondo. Parigi non me la ricordavo cosi bella (e non ricordavo tutte quelle pasticcerie..dannata dieta)
    <3 un bacione <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sabrina.
      Mi fa piacere sapere che il post si è rivelato utile... e sarà che sono un po' psicolabile, ma mi fa un certo effetto pensare che ci sei stata e abbiamo calpestato lo stesso suolo :o)
      Sarà vera la teoria dei sei gradi di separazione?

      Elimina
    2. E' una cosa carinissima quella che mi hai scritto =) è vero,sapere di aver toccato lo stesso "suolo" fa un certo effetto,specie se in quel posto mi "ci hai mandato te" *_* (ahaha sembra una cosa ambigua quella che ho scritto)....cmq sul mio blog c'è un regalino per te. volevo darti il premio come BLOG ADORABBBILE ma potevo assegnarlo solo a chi aveva meno di 200 followers...cmq ho voluto premiarti in altro modo perchè amo il tuo blog,adoro le tue foto e se devo essere sincera,ancehs e non ti conosco, ti trovo una ragazza adorabile......continua a farmi venire le voglie e resterai la mia blogger preferita..ahahah. un abbraccio cara.....e SAPPI che un giorno ti verrò a trovare u___u APPUNTO,NELLA TUA CUCINA =D

      Elimina
  21. tu le pulisci grattandole tra di loro..mmm..devo provare anche così..
    io invece sono solita grattarle con la paglietta di ferro (quelle per lavare i piatti..o meglio..le incrostazioni delle pentole..ma io le uso solo per le cozze)

    grazie per il suggerimento!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara.
      Dipende dal tipo di cozze che compri.
      Se compri quelle pulite (intendo dire con la gran parte dei filamenti e delle formazioni calcaree presenti sul guscio già eliminate dalla macchina in cui vengono passate in pescheria) ti basta fare come me.
      Se invece le cozze che sei solita acquistare non sono pulite e presentano molte impurità esterne fai bene ad essere scrupolosa nella pulizia.
      Io adoro questi frutti di mare, ma in tutta onestà se dovessi pulirle da zero credo che le eviterei (specie quando si preparano zuppe o pepate che ne richiedono in gran quantità).

      Elimina
  22. Che bel piatto,invitante e appetitoso: lo stesso tuo procedimento io lo adopera per le vongole.A casa mia sono tutti un po' prevenuti con le cozze;ma a furia di insistere dovrò fargli passare questi assurdi timori.
    L'avevo capito che avevi origini campane!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Ciao Antonietta.
      A meno che non decidiate di mangiarle crude le cozze (come fanno alcuni estimatori di quelli autentici), non devono preoccuparsi ;o)
      PS Io sono nata a Taormina e i miei sono campani... da cosa l'avevi capito? :o)

      Elimina
  23. Anch'io amo molto le cozze se poi abbinate ad uno spaghetto al dente come questo che vedo mi rallegro la giornata! Proprio qualche settimana fà ho preparato lo stesso piatto e condivido pianamente quando dici che i frutti di mare vanno gustati senza troppi cottura e senza troppi fronzoli.. la bontà eccelsa della cozza basta a se stessa per rendere un piatto davvero gustoso e dalle foto sei riuscita pienamente a rendere l'idea del loro squisito sughetto:) complimenti! ps per pinterest ancora non l'ho attivato.. nn vorrei cadere in un altro tunnel.. già quelli di fb e twitter sono piuttosto lunghi e senza luce:D ad ogni modo ne sono molto attratta e se le foto sono come quelle che vedo qui.. mi sa che ci faccio un pensiero concreto.. buona giornata:)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, sono decisamente più belle di quelle che vedi qui :o)

      Elimina
  24. Semplicemente sono la fine del mondo!!!!

    RispondiElimina
  25. io sto imparando col pesce ma hai ragione, più è naturale più è buono! cosa non darei x i tuoi spaghetti!!

    RispondiElimina
  26. Le cozze sono una delle cose che mi mancano di più qui in Arabia, e di cui faccio scorpacciate ogni volta che rientro in Italia...quindi puoi immaginare che gola mi faccia questo tuo piatto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deve essere difficile e stimolante insieme per un'appassionata di cucina adattarsi a tutto un nuovo mondo. Puoi farti una tua personale coltura in vasca :o)

      Elimina
  27. mmm che bontà...guarda bene tra i tuoi sostenitori, ci sono, foto con cappello da chef!!!!!! complimenti ancora, sei favolosa! a presto, ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ecco. Io cercavo il narciso che vedevo qui nella foto dei commenti :o) A presto.

      Elimina
  28. ciao mi chiamo rosaria e ti ho scoperta su pinterest. mi piace tantissimo il tuo blog!!! complimenti!!! aprendolo poi ho trovato il mio cibo preferito...spaghetti con le cozze!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho capito chi sei :o) Hai tante foto bellissime su Pinterest (e oltre al cibo ho appena pinnato tante belle foto di animali che avevi fra le tue).
      Grazie per i complimenti.

      Elimina
  29. che magnifico piatto di spaghetti alle cozze, senza pomodoro come piace a me, amo sentire il sapore delle cozze, buon weekend

    RispondiElimina
  30. ciao passavo per caso da qui e sono rimasta piacevolmente colpita dalla tua bravura! Mi piace la semplicità del tuo blog, le tue chiarissime foto, le tue dettagliate spiegazioni... insomma, sono tua fan! Complimenti, e buon w-e

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti, ma soprattutto per esserti unita ai lettori :o)

      Elimina
  31. vale, questi spaghetti sono LA PERFEZIONE!! non è mica facile fare bene un piatto così "semplice"...
    bravissima :)

    ps: pinterest lo vedo spuntare da ogni dove, ma non mi ci sono ancora avvicinata... temo di rimanerci invischiata e mi manca pure quello! ;)))

    RispondiElimina
  32. ebbrava la nostra Valentina, un piatto perfetto, da veri gourmet!

    RispondiElimina
  33. Proprio oggi ho mangiato un buon piatto di spaghetti alle cozze....buonissime ...è sicuramente anche le tue ...ciao da Claudette

    RispondiElimina
  34. Un piatto delizioso. le foto sono grande tentazioni.

    RispondiElimina

Per qualunque commento, o anche per eventuali perplessità, scrivetemi pure. Sarò lieta di rispondervi (nessuna parola di verifica richiesta).

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...