lunedì 5 dicembre 2011

Casetta di Pan di Zenzero

Non molto tempo fa vi ho scritto di aver comprato 
Ieri non ce l'ho fatta più a resistere ed ho fatto la prova ;o)




Per prima cosa ho preparato la glassa/colla per assemblare la casetta.
Versate in una ciotola 200 g di zucchero a velo e aggiungete un cucchiaino di succo di limone.
Aggiungete dell'acqua poche gocce per volta. Dovete ottenere una pasta molto densa (simile al dentifricio). Trasferite la glassa in una tasca da pasticciere con bocchetta tonda piccolissima.
Assemblate prima le pareti, poi il tetto (mettete la prima metà del tetto ed aspettate che sia solida prima di procedere con l'altra). Se volete essere più sicuri, dopo aver unito le quattro pareti con la glassa posizionate su ciascun lato un sostegno. Anche dei semplici barattoli che avete in cucina vanno bene (io ho fatto così). Posizionateli ben attaccati a ciascuna parete in modo che ogni parete eserciti una certa pressione versa l'altra a cui deve unirsi. 
Assemblate il comignolo a parte, aspettate che si asciughi bene e posizionatelo dove preferite in cima al tetto. Questa glassa è molto pastosa e si asciuga piuttosto velocemente, quindi non avrete grosse difficoltà nell'effettuare le manovre che ho descritto.

Ora che avete costruito la casetta potete sbizzarrirvi con la parte più divertente: le decorazioni!
Io ho rimarcato i profili della porta, delle finestre e dei rombi sul tetto per primi.
Poi ho aggiunto i confettini con un punto di glassa.
Alla base delle finestre, del comignolo e lungo tutto il bordo del tetto ho riprodotto delle stalattiti. Procedete nel seguente modo: tracciate una linea di glassa fresca lungo il bordo del tetto (procedete un segmento per volta), tracciate dei grossi punti di glassa su questa linea premendo delicatamente la tasca, quando avete una goccia grande come una perlina smettete di premere la tasca ed allontanate lentamente la bocchetta dalla goccia. Questa si "tenderà" allungandosi e spezzandosi formando la punta della stalattite.
Procedete così in tutti i punti che intendete decorare in questo modo. 

Per gli alberelli di Natale formate dei coni ben stretti con carta da forno e bloccateli alla base con una spillatrice. Fondete del cioccolato fondente e versatene un cucchiaino in ogni cono. Fatelo aderire uniformemente alle pareti e se avete difficoltà, o se si formano bolle d'aria, aiutatevi con uno stuzzicadenti per far arrivare il cioccolato fuso fino alla punta. Fate indurire del tutto il cioccolato e staccate delicatamente la carta.
Decorate gli alberelli con la glassa di zucchero a velo partendo dalla base e seguendo un motivo a spirale (il modo migliore è appoggiare l'alberello in piedi su un piano, tenerlo delicatamente dalla punta e farlo ruotare mentre con l'altra mano si traccia la spirale di glassa). 
Decorate gli alberelli con i confettini che preferite (io ho optato che un classico oro natalizio)

Per presentare la casetta ho scelto un piatto in vetro dalla forma irregolare che ricorda il ghiaccio, l'ho cosparso di zucchero a velo per simulare la neve, ho posizionato casa e alberi e ho fatto cadere altro zucchero a velo con un passino anche sul tetto (ma senza esagerare per non coprire il disegno e le caramelline).
Come tocco finale ho disegnato piccole impronte sulla neve con i rebbi di una forchetta di legno, segno che il piccolo abitante della casa è passato da poco :o)

6 commenti:

  1. Cosa aggiungere se nn che è bellissssima!!!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  2. Capolavoro assoluto.

    RispondiElimina
  3. Complimenti all'artista!

    RispondiElimina
  4. Gianluca Mendolia5 dicembre 2011 19:37

    Spemblicemente..Unbelievable!!!!!!!!!!!!!!!!
    Ti meriti infinite stelle michelin!!!!

    RispondiElimina
  5. Grazie Mister. Sei il mio commentatore preferito ;o)

    RispondiElimina
  6. Valentina sei un genio!!guardando il tuo blog siamo invidiosissime, e stiamo crescendo etto dopo etto guardando le prelibatezze che fai!
    brava!brava!brava! :) :)

    Michela e Cristina, due pasticcere pasticcione ;P

    RispondiElimina

Per qualunque commento, o anche per eventuali perplessità, scrivetemi pure. Sarò lieta di rispondervi (nessuna parola di verifica richiesta).

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...