domenica 21 ottobre 2012

Creme Caramel a modo mio

Si avvicina il primo compleanno di Ritroviamoci in Cucina 
e in questi giorni ho girato spesso fra le vecchie pagine del blog.
Oggi ripubblico uno dei primissimi post (risalente al 7 novembre scorso)
e dato che ho preparato questo semplice dolce proprio ieri per la prima volta  
dopo quella data, l'ho fotografato nuovamente e ve lo ripropongo.
Parlando di foto... viva la mia nuova casa piena di luce :o)

***

Volevo anche segnalarvi che ho arricchito il post sulla preparazione
di rose e calle in pasta di zucchero con nuove foto e una descrizione molto più 
dettagliata. Chi volesse cimentarsi lo troverà clickando QUI.

***

Non ho mai mangiato un creme caramel, fatto seguendo la ricetta originale, 
che non sapesse d'uovo e che, diciamocelo, non fosse un po' granuloso al palato e 
quelli che ho assaggiato e non presentavano questi difetti erano in busta.
Allora perchè non prepararlo in casa, in 15 minuti e senza bustine sospette?
Questa ricetta conserva gli ingredienti originali, quindi è alternativa solo per 
quanto riguarda il tipo di cottura dato che si cuoce la crema in pentola (anziché a bagnomaria in forno) e si fa solidificare in frigorifero usando la colla di pesce. 
Fate una prova e non ve ne pentirete.

Ah, questa ricetta possono prepararla veramente tutti.




per 6 creme caramel

Mettete a bagno in acqua fredda 12 g di gelatina in fogli (tenete presente che il dosaggio può variare in base alla marca e che io preferisco i budini molto sodi, quindi diminuite le dosi se li volete più morbidi).
Amalgamate in un tegame a fondo spesso 1 uovo intero, 2 tuorli, 100 g di zucchero, 2 cucchiai di fecola di patate, la buccia grattugiata di mezzo limone.  Eliminate tutti i grumi e aggiungete poco per volta 500 ml di latte intero.
Cuocete a fuoco basso mescolando costantemente con una cucchiaio di legno. Appena la miscela comincia a prendere consistenza e vela il cucchiaio, pur essendo ancora fluida, togliete il tegame dal fuoco ed aggiungete mescolando la colla di pesce ammorbidita e strizzata (un foglio per volta). 
Bagnate con acqua fredda l'interno degli stampini, versate un cucchiaio di caramello sul fondo e, con un mestolo, versate la crema.
Lasciate raffreddare in frigorifero per circa 6 ore e comunque fino a che i creme caramel non sono del tutto solidificati.

Per ottenere dei "budini" dalla forma perfetta io procedo così:
uso stampini di alluminio, di quelli leggeri;
li riempio con acqua fredda e li batto leggermente a testa in giù per eliminare l'eccesso;
verso il caramello sul fondo;
quando sono solidi incido appena (ma davvero 2 mm) lungo il bordo del budino, che aderisce in maniera più decisa allo stampo, con un coltellino dalla lama molto appuntita;
MAI infilare il coltello lungo i bordi fino al fondo dello stampo;
per sformarlo facilmente a questo punto il segreto è far entrare dell'aria fra il budino, qualunque esso sia, e la parete dello stampo, quindi premete leggermente coi polpastrelli sulla superficie del budino per scostarlo dai bordi e capovolgete sul piatto in cui intendete servirlo, verrà subito via;
se usate gli stampi usa e getta valgono gli stessi consigli, ma alla fine per sformare i budini potete anche capovolgerli sul piatto con tutto lo stampo e praticare un forellino con uno stuzzicadenti al centro del fondo (entrerà l'aria e cadrà praticamente da solo).


NOTA: se preferite, aromatizzate con un baccello di vaniglia, ma non insieme alla buccia di limone che "brucia" il sapore della vaniglia (che è decisamente più costosa di un limone).




51 commenti:

  1. Sarà a modo tuo ma sono perfetti e di sicuro molto meglio di quello acquistati in bustina da preparare. Prendo nota.

    RispondiElimina
  2. caspiterina che bel crem caramel, se penso a quello che ho postato io tutto storto e bucherellato ......
    evviva la casa piena di luce
    un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se penso alle condizioni di luce in cui scattavo prima... Ora è veramente un piacere.
      Un bacio alle bionde.

      Elimina
  3. Valentina, sarà pure a modo tuo, ma mi sembra un modo perfetto!!! Buonissimo. E a chi non piace un buon creme caramel di questa portata!!!??? Buon fine settimana... in tutta dolcezza!

    RispondiElimina
  4. Stupendi!!! Sembrano veramente quelli in bustina, ma sicuramente molto più gustosi e genuini!!! Grazie! :o)

    RispondiElimina
  5. Oddio che voglia di crème caramel che mi hai messo! Sono meravigliosi e le foto sono stupende! :)
    Io per togliere il sapore di uovo, metto un goccio (ma proprio un goccio) di vino bianco e per non far formare le bolle, cuocio a bagno maria in forno, con un pezzo di cartone sotto la teglia.
    Un bacione e buon we! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisa.
      Grazie per le dritte ;o)
      Baci.

      Elimina
    2. No no che dritte :P Era solo un confronto :D

      Elimina
    3. Beh, io ad esempio non avrei mai pensato al cartone. Mi sembra un'ottima idea ;o)

      Elimina
  6. mamma mia che spettacolo!!! budino golosissimo e foto fantastiche!!! eh si quando c'è luce in casa...è tutto più bello!
    baci

    RispondiElimina
  7. O mamma.... Sembrano uscire fuori dallo schermo, sono favolosi!!! Che bontà e che foto stupende :-)

    RispondiElimina
  8. Quanto belli sono... essenziali e chic.. moolto eleganti:) e diciamocelo anche buonissimi sicuramente vista la ricetta (fecola di patate al posto della farina.. ecco uno dei segreti:)) besos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene, "essenziali e chic" è quello che mi ha sempre conquistato in questo dolce così semplice.

      Elimina
  9. sono meravigliosi! da provare assolutamente! buon week end

    RispondiElimina
  10. Hai ragionissima: i creme caramel sanno di uovo in maniera spiacevole...e poi hanno quella pellicina dura, gommosetta e piena di bollicine davvero poco gradevole...forse non li ho mai mangiati fatti a regola d'arte, ma a me, se non escono dalla busta, non piacciono. Quindi immagina con quale entusiasmo accolgo questa ricetta furba!! Li provero' senz'altro...e la tua casa non e' solo piena di luce, ma di molte altre bellissime cose....te compresa, ovviamente! ;-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi sono quei casi in cui servirebbe una faccina che arrossisce.
      Grazie tesora :o)

      Elimina
  11. Sono la cinquecentesima, ti rendi conto?
    Per premiarmi mi mangio un pezzo di ciambella!
    :-)

    RispondiElimina
  12. Senza parole o_O!!!!!!!!!!!!! Sono splendiderrimi :) Un bacione, buon we

    RispondiElimina
  13. ciao Valentina, io ho provato solo una volta, anni fa, a preparare questo dessert ma il risultato è stato tutt'altro che gradevole! il sapore di uova era davvero troppo intenso per i miei gusti e da allora non ho più fatto altri tentativi, certo che vedere queste foto fa venir voglia di riprovarci, sono certa che con la tua modalità di cottura il sapore sarà quello di una crema e non di un uovo! a presto e buon w.e.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dovrei dirlo, ma io non l'ho mai preparato col metodo classico proprio perchè scoraggiata dal gusto e dalla consistenza tremendi di quelli che mi sono stati offerti... quasi uova strapazzate.
      Confido comunque che qualcuno sappia prepararlo alla maniera tradizionale ottenendo un buon dolce :o)

      Elimina
  14. preparo raramente questo tipo di dolci perché non sono il mio forte, proverò la tua ricetta, hanno un aspetto molto invitante, a presto

    RispondiElimina
  15. ricetta classica e super golosa! davvero buona, ha un ottimo aspetto!

    volevo farti i complimenti per il blog, l'ho scoperto da poco per caso ma ho già sbirciato altre tue ricette, tutte bellissime! brava! mi sono anche aggiunta ai lettori fissi :)
    da poco ne ho uno anch'io, passa a visitarlo se ti va!
    a presto,
    Michela

    RispondiElimina
  16. altro che le schifezze in bustina, questa è una leccornia!

    RispondiElimina
  17. Ciao! Concordo pienamente con la diffidenza verso le cose pronte... Anch'io ripesco le idee passate ogni anno, è bello rifarle e magari migliorarle! :)

    RispondiElimina
  18. Ho finito adesso di allattare ed un budino come questo adesso sarebbe il paradiso ;-)

    Vista l'ora buona notte cara

    RispondiElimina
  19. Infatti la prima cosa che mi è saltata all'occhio è la compattezza di questi creme caramel1! Sono bellissimi! Hai avuto un'ottima idea a pensare a di saure la colla di pesce! Mi sa che proverò! Io non vado matta pe ril creme caramel, ma il mio compagno sì!!

    RispondiElimina
  20. Una domanda: gli stampini quelli in alluminio che conosco io hanno i bordi laterali tutti zigrinati, con piccole pieghettine, come i classici stampi da lasagna o da crostata...u quale hai usato perchè i creme caramel venissero così perfettamente lisci e non prendessero la forma del recipiente di alluminio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Martina :o)
      Ho scritto che si possono usare anche gli stampini di alluminio usa e getta alla fine del post perchè ho pensato che magari non tutti hanno gli stampi adatti in casa, ma io ho dei classici stampi di alluminio leggero (che si trovano comunemente nei negozi di forniture)e uso quelli anche se poi vanno lavati proprio perchè mi piace ottenere un bordo dalla superficie liscia, senza le zigrinature e che quindi resti bella lucida una volta sformato il budino.
      Di usa e getta lisci non ne ho mai visti, in effetti non credo ne esistano.

      Elimina
    2. Ah, dimenticavo.
      La compattezza, rispetto a quelli classici, credo sia merito della colla di pesce... che Dio l'abbia in gloria :o)

      Elimina
    3. Ah scusa, allora non avevpo letto attentamente o meglio avendo tu parlato di stampi di alluminio io ho pensato a quelli usa e getta...Sì, la compattezza è senz'altro merito della colla di pesce...Gira e rivolta alla fine la panna cotta che mni piace di più è+ quella con la colal di pesce, pur avendo provato quella con agar agar...:)

      Elimina
    4. La panna cotta è un altro di quei dolci semplici e un po' retrò, ma mi piace da morire e anche quella la preparo con la colla di pesce ;o)

      Elimina
  21. vorrei tanto assagiarne una

    RispondiElimina
  22. semplicemente perfetti! e con questa nuova luce delle tue foto.. come resistere!!!??

    RispondiElimina
  23. Vale tu sai cucinare meglio di tanti cuochi che si ritengono bravissimi, ma in fondo....e ne conosco parecchi...va beh, lasciamo stare... Questi crem caramel hanno un aspetto davvero da 5 stelle, se io li vedessi in un ristorante direi "wow, sono perfetti", sei perfetta Vale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vica, che bel complimento che mi fai :o)

      Elimina
  24. Eh già, pensi che la meraviglia di queste foto sia tutta dovuta alla luce migliore???? No, perchè io temo non ottenere questi risultati nemmeno se mi metto in mezzo al giardino a fotografare!!! Perfetti, Vale, assolutamente perfetti....Bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio davvero, ma no luce no party :o)
      Bacioni.

      Elimina
  25. Cara Valentina, ben tornata tra noi. Immagino che la tua sia stata un'estate impegnativa con la tua nuova attività con il b&b. Com'è andata? Sono davvero felice di rivederti qui con queste foto da mancamento. Sono di una bellezza e perfezione da impedirmi di distogliere lo sguardo da quelle meraviglie a specchio. Bravissima come sempre e adesso non sparire! Un bacione grande. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patty,
      Tutto bene col B&B. Sono stata dalle tue parti a settembre, ma purtroppo solo per mezza giornata :o(
      Il blog e tutte voi mi siete mancati tantissimo, quindi non spariró più.
      Baci.
      PS che bella la nuova foto del profilo ;o)

      Elimina
  26. Ciao Valentina!
    Meravigliosi i tuoi budini, sono abbagliata da tanta bellezza e perfezione, complimenti!!!!! :-)
    Grazie della visita e per ospitarmi sul tuo blog!
    A presto! :-)

    RispondiElimina
  27. Ciao Vale :) Beh, io direi che è perfetto, sei stata bravissima!!! Complimenti, presto mi cimenterò anche io, segno la tua ricetta! Grazie mille per esserti aggiunta ai lettori fissi :) Io ti seguo già da un po' e sei veramente brava :) Un bacione, buon inizio settimana!

    RispondiElimina
  28. qui da te ci sono ricette meravigliose. Sono felice che tu sia passata da me, così ho potuto conoscere il tuo blog!
    Il vero crème caramel lo faccio di rado, questa tua versione semplificata mi piace ^__^

    RispondiElimina
  29. Buono e pensare che io lo preparo così poco e poi i tuoi sono così perfetti!!!
    Buon lunedì.

    RispondiElimina
  30. ciao Vale, sono sommersa da milioni di cose senza neppure aver aperto un B&B :-)
    Senti, dato che con la colla di pesce sto cercando di smettere (usare ossa tritate per fare un dolce mi inizia a non piacere più), hai mai provato ad usare l'agar-agar?
    bacioniiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ro', proprio ieri ero sul tuo blog e mi chiedevo che fine avessi fatto, ma dopo tre mesi di assenza mi sono vergognata a scrivertelo :o)
      Non ho mai provato l'agar-agar (più che altro perchè non l'ho mai trovato), ma pochi commenti più su ne parlava proprio Martina.
      Un bacioneone.

      Elimina
  31. Li ho fatti e li ho pubblicati oggi!
    http://www.trattoriadamartina.com/2013/01/storia-di-un-creme-caramel-che-si.html
    Grazie della ricetta!

    RispondiElimina
  32. Provati e sono ottimi!! 😊😊 ho usato solo 8 gr di colla di pesce e la prossima volta non metterò nemmeno la fecola di patate tanto è sufficiente la colla x addensare 😊👍

    RispondiElimina

Per qualunque commento, o anche per eventuali perplessità, scrivetemi pure. Sarò lieta di rispondervi (nessuna parola di verifica richiesta).

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...