lunedì 4 marzo 2013

Il Mou (terza parte): lo chiamavano Raider (il Twix)

Eccoci con il terzo appuntamento col mou e prometto che poi, almeno per un po', 
non ve lo proporrò più perchè mai e poi mai vorrei correre il rischio di annoiarvi.

***

Gli anni '80 sono stati senza ombra di dubbio un decennio nero per quanto riguarda
la moda e il senso estetico, ma io in quegli anni ero bambina e una certa nostalgia per quelle cose che hanno caratterizzato in quegli anni il mondo che mi circondava fa capolino non appena mi imbatto in suoni, forme, oggetti e, perchè no, cibi che mi riportano al periodo in cui portavo calze bianche coprenti, frangetta bombata contro ogni legge 
fisica e spalline (sì, da bambine portavamo spalline che manco i giocatori di football).
Erano anni in cui tutto sembrava incredibilmente leggero, le Barbie erano vestite da
donne rispettabili (non da battone), in TV guardavamo "Drive In" e "I ragazzi della III C"
e il futuro non sembrava uno spaventoso salto nel vuoto. Si respirava speranza, fiducia.
Non sono una di quelle persone che esalta sempre il passato a discapito del presente,
ma non nego che quel clima di fiducia mi sembra così lontano che rischia di trasformarsi 
in una di quelle cartoline sbiadite che non ricordi nemmeno più di aver messo nel cassetto.

***

Ricordo che lo snack che oggi porta il nome di "Twix" si chiamava "Raider" 
e il motivetto del jingle recitava "Raider un taglio ci da" simulando un movimento dei 
due bastoncini al cioccolato come fossero lame di forbici che tagliano (la fame?).
Questa preparazione richiede diversi passaggi, ma in effetti nessuno di questi è particolarmente difficile. Se poi preparate i biscotti il giorno prima (o anche con più anticipo dato che ben conservati in un contenitore ermetico durano diversi giorni) fare i
twix in casa si trasformerà in uno scherzo visto che il mou si prepara in una decina di minuti e per la copertura basta far fondere cioccolato e burro di cacao. Vi ho convinti?

Dato che questa ricetta va a inserirsi a pieno titolo fra quelle del progetto "Come Quelli Comprati", la cui caratteristica è anche quella di una certa malinconia verso il passato,
alla fine del post vi lascio anche il video del vecchio spot datato 1990.

***


Volevo prepararli in casa da tempo, ma una visita al blog di Manuelache nei giorni scorsi si è lanciata con successo in questa impresa, mi ha fatto venir voglia di mettermi all'opera (anche se non ho seguito la sua ricetta e ho preparato i twix di testa mia, mi sembra carino citarla visto che è stata lei a spingermi inconsapevolmente in qualche modo).





Per prima cosa preparate il mou seguendo le istruzioni e le dosi che trovate QUI. E' importante che il mou sia tornato a temperatura ambiente e abbia cominciato a solidificarsi per farcite le barrette di twix, quindi preparatelo per tempo.

Per la base al biscotto procedete nel seguente modo: fate ammorbidire, quasi fondere, al microonde 125 g di burro, aggiungete 1 uovo intero, 80 g di zucchero, 170 g di farina 00, 120 g di amido di grano, un pizzico di sale. Mescolate velocemente con un cucchiaio fino a che gli ingredienti cominceranno ad aggregarsi opponendo una certa resistenza, quindi trasferite il tutto sul piano da lavoro e impastate con le mani fino a ottenere una panetto omogeneo, molto liscio e morbido, ma che non si attacca al piano.

Stendete un foglio di carta da forno, infarinatelo leggermente e con un mattarello stendete metà impasto (lavorerete più comodamente) piuttosto sottilmente (1/2 cm). Rifilate con un coltello a lama liscia un rettangolo di pasta lungo quanto volete, ma tenendo presente che il lato più corto sarà la lunghezza dei bastoncini di biscotto. Tagliate dei bastoncini larghi circa 1 cm e disponeteli su una placca di alluminio leggero coperta con carta da forno. Non avrete bisogno di distanziarli perchè cresceranno pochissimo, quindi in una sola infornata potrete prepararne molti.

Lasciate raffreddare del tutto i bastoncini su una graticella e con una tasca da pasticciere (io ne ho usata una usa e getta senza nemmeno mettere la bocchetta, ma semplicemente tagliando la punta in modo da lasciare un foro della misura adatta allo scopo) tracciate una striscia di mou lungo ciascun biscotto. 
Se volete essere più sicuri potete provare prima a tracciare una piccola striscia di mou su un pezzetto di carta forno: se mantiene la forma, o si "siede" appena, potete proseguire a farcire tutti i bastoncini; se il mou si siede troppo dovete aspettare ancora o colerà da biscotto e non reggerà la glassatura al cioccolato.

Per la copertura al cioccolato fate fondere 150 g di cioccolato fondente e fatevi sciogliere 25 g di burro di cacao. Mescolate dolcemente, ma con cura (anche se la glassa vi sembra già omogenea) per assicurarvi che le due parti si amalgamino uniformemente in modo da evitare che il cioccolato, una volta solidificato, presenti delle striature per via del burro non del tutto unito (non fate l'errore che ho fatto io ;o).
Ormai non è più così difficile trovare il burro di cacao (io ho usato quello Venchi che si può acquistare anche direttamente dal sito), quindi vi consiglio di non limitarvi a usare del semplice cioccolato fuso perchè questo, una volta sciolto, resta piuttosto viscoso mentre l'aggiunta di questo burro vi darà una glassa molto fluida che vi permetterà di coprire i bastoncini farciti al mou in modo uniforme, in pochi secondi semplicemente tuffandoli dentro e tirandoli fuori con una forchetta.

Disponete ogni barretta glassata ad asciugare su carta forno e, se volete dare un po' più spessore alla copertura, passateli nel cioccolato una seconda volta.
Se alla base dei twix si forma un eccessivo deposito di glassa, non fatevi scrupolo di rifilare questa eccedenza con un coltellino a lama sottile e a punta quando il cioccolato ha cominciato a indurirsi, ma è ancora piuttosto morbido.
Una volta solidificata la glassatura sono pronti per essere mangiati e, credetemi, non dureranno a lungo.





Ecco il video che vi avevo anticipato




E come sempre ecco l'originale


114 commenti:

  1. Hai descritto perfettamente gli anni che abbiamo vissuto e...quel senso di fiducia, non potevi definirlo meglio. il rider, si...mi piaceva e non posso più mangiarlo...cioè...non potevo, perchè ora che ho la tua ricetta non posso non farmeli per darie un altro vaff...all'allergia! che belli sono, perfetti, come solo tu sai fare tutto. ps: hai proprio ragione sulle barbie...io a mia figlia cerco di far fare ancora i gioche vche facevo io...te li ricordi i chiodinie i peciolini da tirare su con la calamita? in alcuni aspetti gli anni '80 sono stati splendidi, per la frangetta e le spalline, cosa mi hai ricordato, un pò meno!!!! tamnti baci e grazie per questo bel post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi associo, vaff... all'allergia!
      Qualche anno fa vedevo in giro quelle Bratz che facevano davvero paura per quanto erano truzze.
      Un bacione fortissimo.
      PS Me li ricordo quei pesciolini :o)

      Elimina
  2. Vale... che malinconia mi prende degli anni '80.. quei telefilm... alcuni spot televisivi.. e le sigle dei cartoon!!!! che ricordi.. come anche del rider.. si ricordo lo spot!!! oggi si chiama twix.. e tu.. lo hai fatto perfetto!!!!! Non sarò mai capace di replicarlo.. e poi il burro non posso usarlo.. potrei dire chissenefrega.. ma siiiii per una volta che farà! ok.. ma tu quando me li porti???? complimenti davvero... sono meglio degli originali!!! smackkk e buona domenica :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il mou puoi anche fare a meno del burro, ma per i biscotti non saprei come aiutarti.
      Un bacio :o*

      Elimina
  3. Io negli anno '80 non c'ero ancora, anche se in casa mia le barbie avevano ancora i vestiti da persone normali (le ho ereditate dalla sorella grande) e guardo ancora dei telefilm e dei cartoni che andavano in quegli anni. Comunque sei un diavoletto tentatore con questa storia del mou, anche questa ricetta è favolosa!
    Buona domenica! ^_^

    RispondiElimina
  4. Io non ero nata negli anni '80, però li hai descritti esattamente come me li sono sempre immaginata! Però non sapevo che il Twix avesse cambiato nome!
    Comunque i tuoi sono favolosi.. aah, quel caramello che si scioglie in bocca.. sono sicuramente tra i miei "cibi-spazzatura" preferiti!
    Ma sono troppo perfetti! sei sicura di non averli comprati??:)
    No scherzo, bravissima come al solito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non eri nata? Mi sento vecchissima.
      PS Le striature del burro di cacao mal amalgamato e la rifilatura fatta col coltellino alla base delle barrette testimoniano l'autenticità dei twix casalinghi ;o)

      Elimina
  5. Concordo con Aria,questo post è splendido come i tuoi twix.
    Io vivo perennemente con la nostalgia di quegli anni spensierati.Se avessi una bacchetta magica tornerei volentieri in dietro di 30 anni.
    La mitica vespa 50 special (io ne avevo una ,a dire il vero era di nonno ma qualche volta mi ci faceva fare un giretto),i cartoni animati di bim bum bam con Bonolis,Sprint quella bevanda che era un fac simile del Nesquik,credo che non ci sia nemmeno più in vendita.Quando tornavo a casa dopo la scuola con lo zainetto in spalla in tv c'era il pranzo e servito con Corrado e subito dopo Bis con Mike Bongiorno e poi ti ricordi che non c'era il cellulare,ma se ci occorreva telefonare quando eravamo fuori si entrava nella mitica cabina telefonica con i gettoni...eh già i gettoni,mi sembra che valevano 200 lire se non sbaglio e poi si ascoltava la musica con le cassette.....ecc ecc.
    Mi fermo qui perchè potrei continuare tutt'oggi.
    Ciao cara,un bacio!Buona domenica!!!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo bene e sono legata a ciascuna delle cose che hai ricordato (come mi piaceva lo Sprint!).
      Baci.

      Elimina
  6. Sono nata nell'88 e queste cose, ovviamente, non le ricordo... Ma mi ha fatto molto piacere leggerle e...complimenti per la ricetta!

    RispondiElimina
  7. descrizione perfetta degli anni 80! e ricetta splendida, da rifare quanto prima!! buona domenica!

    RispondiElimina
  8. Ero un po' più grandina di te, ma hai perfettamente descritto quegli anni e quel meraviglioso Raider di cui andavo ghiotta emangiavo solo per golosità. Brava come sempre :)
    Rosalba

    RispondiElimina
  9. Hai descritto benissimo gli anni ottanta, che anch'io che li ho vissuti con una maggior consapevolezza dovuta all'eta', a volte rimpiango con un velo di nostalgia....Vedi che ti meriti tutte le cose belle che ho detto di te? E come al solito, resto basita davanti a tanta perfezione. Bravissima teso', un abbraccione e a presto.

    RispondiElimina
  10. Io negli anni ottanta non c'ero e non ricordo quindi il vecchio twix!! ma quello che c'è adesso mi piace molto e il tuo ci assomiglia veramente tanto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora anche tu sei giovanissima! Che invidia :o)

      Elimina
  11. Ciao Valentina, i tuoi twix sono perfetti, da provare sicuramente!!!
    Sei proprio brava!!!
    Bacioni, a presto :))

    RispondiElimina
  12. Annoiarci ??? Impossibile ! Vale, io non posso far altro che complimentarmi con te per la tua maestria..davvero..sei fantastica ! Oltre al fatto che a vedersi sono identici all'originale..ma il fatto è che io sono convinta che i tuoi siano 100000000 più buoni ! Un abbraccio e buona domenica :)

    RispondiElimina
  13. gli anni ottanta...eccome se li ricordo... ed è vero c'era aria di speranza!
    certo che tu sei davvero imbattibile a replicare "Come quelli comprati"!
    sei un'artista che ci mette tanta passione!
    bacioni e buona domenica

    RispondiElimina
  14. Cioè, sei bravissima, non ho parole.A me non mi sono mai piaciuti gli originali ma ti giuro che questi li mangerei! sono sempre a bocca aperta quando vengo da te...

    RispondiElimina
  15. Santo cielo, cosa mi fai vedere...sai da quanto vorrei farli in casa???

    Quanto agli anni 80, è vero...pensa che il Drive in non me lo facevano vedere i miei, dicevano che ero troppo piccola :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Araba :o)
      Io riuscivo a vederlo solo in vacanza dai parenti perchè per le feste si poteva fare uno strappo alla regola (che era a letto alle 8:30 dopo il "cartone della sera").

      Elimina
  16. .....Da dove inizio.....mi ha fatto sorridere,ridere e piangere.
    Eccome se ricordo quegli anni,pensa che io e mia madre eravamo fissate con le spalline(lei lo è ancora)me le ha cucite anche sotto la vestaglia...."perchè cadeva meglio".
    E poi il Rider era ed ho tutt'oggi il snack preferito lo compravo sempre prima di entrare a scuola o altrimenti all'uscita ed ancora dopo prima di andare la mattina a lavoro,che ricordi fantastici......forse non sono stati anni perfetti ma di sicuro adesso c'è molta più ansia e preoccupazione guardando al futuro rispetto ad allora.L'Italia attraversa un momento davvero difficile non ci sono guide,non c'è alcuna certezza sotto vari aspetti speriamo solo di uscirne in qualche modo e di raggiungere un discreto equilibrio.
    Chiudo facendoti ancora i miei più sinceri e sentiti complimenti per la tua inventiva,fantasia e soprattutto bravura,hai passione è certo!
    ....quella che muove il mondo e che oggi scarseggia.....nutrila e custodiscila sempre!
    con affetto
    K.V. di Z&C

    RispondiElimina
  17. non far caso alle frasi e agli articoli sgrammaticate,la tastiera sta dando tilt,giuro che non scrivo così...;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non preoccuparti, lo so :o)
      Grazie per i bei complimenti.

      Elimina
  18. Sei un mito!!!
    Bellissime fotografie e grandiosa ricetta che mi riporta all'adolescenza...
    Cerchietti imbottiti... borse najoleari... e spalline di gomma piuma dalle dimensioni spropositate!
    Baci, Chiara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sììììììììì i cerchietti imbottiti che orrore! Ovviamente li usavo :o)

      Elimina
  19. ok capperi! questo si che è un ottimi risultato! io ci ho provato 3 anni fa ed è venuta 'na ciofeca e da allora mai più rifatti...fino ad ora ;-) splendidi!

    RispondiElimina
  20. oddiooooo... DEVO assolutamente farli... sia perché sembra facile e poi perchè ti sono venuti benissimo!!!!
    ah! una cosa (anche se so che probabilmente non ce n'è stato il tempo per accorgersene), con queste dosi quanti ne vengono più o meno? sai, giusto per non prendere 5-6 kg in una sola merenda! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusta domanda :o)
      In realtà l'impasto per il biscotto ti avanzerà rispetto al mou, ma non l'ho diviso in due visto che prevede un solo uovo (e comunque con l'impasto che resta si possono preparare classici biscotti da conservare in una scatola ben chiusa e consumare con comodo).
      In tutto ho preparato una ventina di barrette, ma finiscono in un secondo ;o)

      Elimina
  21. Buonissimi sono proprio loro.

    RispondiElimina
  22. Cosa mi hai ricordato, è vero, prima si chiamavano Raider! I tuoi sono a dir poco spettacolosi, dei veri capolavori...sei troppo brava!!!!!

    RispondiElimina
  23. Io non ero neanche nata nel 1990,quindi lo spot me lo vedo ora per la prima volta!nonostante ciò,i raider-twix li conosco bene,e i tuoi son davvero replicati alla perfezione..caspita,brava brava brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie.
      PS Ma sei una giovanottina :o)

      Elimina
    2. ahaha sii, ancora per 25 giorni sono addirittura una "teen-ager"! D:

      Elimina
  24. Bellissimo post Vale..
    Il raider/Twix... sei un genio del bene!
    Dicevo al mio fidanzato che in realtà è anche mio marito.. che sei davvero un genio... E lui:<< Ma chi è Valentina?>> eh .. già parlo di alcune foodblogger come fossero di casa!
    E i jeans con il risvolto, e le timberland e tante altre cose... si respirava fiducia eppure i debiti maggiori credo che l'Italia li abbia fatto in quel periodo!
    Buon inizio di settimana...
    Un bacio
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah aha ah! Povero marito
      Comunque grazie davvero :o)

      Elimina
  25. ricetta strepitosa io come sempre copio, questa con il mou la preferisco rispetto al budino, quindi va subito ripetuta

    RispondiElimina
  26. Oddio, cosa mi hai fatto ricordare...fantastici anni 80...seppur con la loro meno fantastica moda (i terribili colletti, per non parlare dei fuseaux dai colori fosforescenti...) hahaha.
    Questo twix mi sembra perfetto! Un bacetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I fuseaux! Ne avevo uno fucsia fosforescente che mi piaceva da matti :o)

      Elimina
  27. Hai fatto in casa i twix?! Sei un mito! Come mitici sono stati quegli anni o forse erano solo i miei anni universitari ad essere perfetti !
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  28. io conoscevo solo il twix com'è adesso quindi grazie del racconto :) li ho visti anche io da Manuela,sono una vera goduria!!Un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena li ho visti con quello splendido mou mi ha subito fatto venire una voglia incredibile :o)

      Elimina
  29. Da provare assolutamente....era il mio snack preferito quand'ero ragazzina!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' ancora oggi il preferito del mio fidanzato :o)

      Elimina
  30. io non ho questi tuoi ricordi ma adoro i twix e credo che i tuoi siano ancora emglio!

    RispondiElimina
  31. Ciao Vale :) Adoro, ho adorato gli anni 80... Sono nata nel 1980 e a 7 anni, nell'87, avevo una vera e propria fissa per Deejay television, Javanotti, Madonna (sapevo tutte le canzoni a memoria... vabbé, ovviamente parole a modo mio :D) gli Europe, Spandau Ballet... e ricordo benissimo i Raider... ricordi anche gli Urrà? :D Comunque i tuoi sono perfetti, bellissimi, complimenti! :D E poi sappi che tu non annoi mai, proprio mai :) Ti abbraccio, buona settimana! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' bello leggere tutti i commenti e scoprire i ricordi di ciascuno :o)
      Ricordo Deejay TV e Jerry Scotti magro e coi capelli.
      Gli Urrà li ricordo benissimo ed erano troooooppo buoni perchè erano croccanti, ma allo stesso tempo leggerissimi.
      Ti abbraccio fortissimo al suono di Wild Boys ;o)

      Elimina
  32. Mi piaceva da morire il Raider e sono anni che non lo mangio. L'idea di prepararlo in casa è allettante anche perché, da un po', ho smesso di comprare qualsiasi cibo confezionato. La ricetta sembra davvero semplice. Speriamo di trovare il burro di cacao che, sinceramente, non mi pare di aver mai visto in giro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nelle cioccolaterie attrezzate lo trovi di certo e male che vada puoi comprarlo online... fa davvero la differenza ;o)

      Elimina
  33. ahhahahahah che tuffo nel passato!!!è da tanto che non lo mangio, il tuo twix è identico all'originale, bravissima!

    RispondiElimina
  34. Anni '80 Vale..che nostalgia terribile!!!
    E questi dolcetti?? Se me li ricordo??? Adoro questa tua rubrica e mi segno subito la ricetta!!
    Non riuscirò mai a farli così, ma io ci provo senz'altro!
    Sei sempre bravissima amica! Roby <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici Roby, se ci penso bene mi viene da piangere :*)
      Ti abbraccio.

      Elimina
  35. Quelle spalline e chi le dimentica,oooorrore!Pero' la nostalgia sale,tanto vale acchiappare un raidere darci un taglio!Son perfetti cara,spero di trovare il burro di cacao,non e' affatto facile ottenere una bella copertura fluida col solo cioccolato!Un abbraccio cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sì, diamoci un taglio con un Raider (ma perchè poi cambiargli il nome che a me pare più fico Raider?).
      Baci.

      Elimina
  36. mitico, e quando mi fai il Mars???

    RispondiElimina
  37. Vale...io adoro il twix e lo faccio spesso fatto in casa!con questa ricetta ci vado a nozze, nel senso che è una delle mie cose preferite in assoluto e poi che nostalgia del vecchio raider...avevo scritto a tal proposito agli inizi del blog ( la ricetta era cuori di twix)...bando alle ciance, giuro che oggi mi hai fatto morire con la foto ( sto facendo un fioretto antidolci) e sto soffrendo!
    Quanto alla nostalgia, chi si ricorda "College"? Io lo adoravo...che tempi, che ricordi...sei sempre fortissima, hai tutta la mia ammirazione, di cuore!
    ps. ma gli originali non sono con la copertura al cioccolato al latte?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustissimo, è al cioccolato al latte, ma io non li volevo troppo dolci, stucchevoli. Magari aggiungo alla ricetta che se lo si vuole più simile all'originale ci va il cioccolato al latte.
      College lo guardavo sempre con le amichette e ricordo alla perfezione tutti i personaggi... erano davvero altri tempi :o)
      Un bacione.

      Elimina
  38. Che buoniiiii!!! Altro che anni 8, io li adoro ancora oggi. Sono un pezzo della nostra storia mangereccia!
    Baci
    Elli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elli.
      E' vero, ma non mi do pace che gli abbiano cambiato il nome :o)

      Elimina
  39. scusa la saliva che ti ho lasciato in giro nel blog!
    ma come resistere?!?!?!?!?

    RispondiElimina
  40. Sono una ragazza anni 80 anch'io e tutto quello che hai vissuto tu lo ricordo perfettamente anch'io...erano davvero anni leggeri e spensierati e si viveva in un mondo quasi ovattato ma forse perché eravamo tanto giovani allora e nell' età migliore quindi tutto era più semplice a quella età e ti assicuro che i twix sono da sempre le mie barrette preferite quindi scatta il copia e incolla subito!!! Bacioni, Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Imma :o)
      Proprio mentre ti scrivo sta passando in TV il nuovo spot del nesquik in cui si vede la tipa, oggi adulta e con un figlio (beve anche lui nesquik ovviamente), che faceva la pubblicità negli anni 80 quando era bambina. E' una congiura nostalgica!
      Un bacione.

      Elimina
  41. Ciao Valentina ti faccio tanti complimenti per il tuo bellissimo blog, ricco di ricette gustose e di fotografie bellissime ... da addentare !
    Mi sono unita ai tuoi lettori con gran piacere, verrò spesso a trovarti!
    Anche per me gli anni 80 sono stati mitici, gli anni della mia prima giovinezza :) !
    I tuoi twix sono superlativi, da provare! Brava, brava brava!
    Un saluto,
    Patrizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patrizia :o)
      Grazie per i complimenti e per esserti unita ai lettori del blog.

      Elimina
  42. Ahahahahah!! Meraviglioso il tuo Rider!

    RispondiElimina
  43. Ma.. daiii non ci credooo!! Il Rider, che ricordi!! Tesoro a me piace l'idea di usare il Mou e non mi annoierei mai e poi mai! Ti sono venute perfette queste barrette.. e pensare che ora si chiamino Twix un po' di malinconia la mette, per quegli anni tanto semplici e cari che mancano moltissimo :) Sei grandiosa, davvero. Ti abbraccio forte e ti mando un bacione caramelloso :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ely.
      Hai perfettamente ragione, infatti io ho deciso che da oggi in poi tornerò a chiamarlo Raider! ;o)
      Ricambio il tuo abbraccio.

      Elimina
  44. ma sono identici!
    e sicuramente più buoni e genuini...
    ho già replicato diverse ricette dal tuo blog, mi sa che presto aggiungerò anche questa alla lista ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentine, grazie.
      Mi fa piacere che sapere che a volte ti sono di ispirazione :o)

      Elimina
    2. Grazie anche per esserti unita ai lettori del blog.

      Elimina
  45. Adoro la tua perfezione, anche con le righe del burro di cacao np perfettamente amalgamato, per me sei come Mary Poppins, praticamente perfetta!
    Gli anni 80 me li ricordo come uno dei periodi più belli della mia vita, moda a parte, naturalmente, comunque mi sembrano cos' vicini e sono già passati 30 anni!
    Ti ho già detto che il mou non mi fa impazzire, ma l'insieme si e adesso ho voglia di un Twix!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Loredana, grazie :o)
      Anche io a volte penso che si tratta di trent'anni fa e realizzo che è passata una vita (la mia, visto che ne ho 31 ;o).
      Un bacione.

      Elimina
  46. Felice d'essere stata d'ispirazione!!! Sono perfetti!!!!! Buona settimana ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Manuela :o)
      Eccome se mi sei stata di ispirazione, il tuo mou sembra seta!

      Elimina
  47. sei favolosa...anche il twix hai fatto...e meglio dell'originale, in assoluto!
    Sei mitica!!!!!!

    RispondiElimina
  48. ma sei un "mostro"... di bravura naturalmente.. che buoniiiiii!!!! mi hai fatto venire una voglia incredibile di provare!!! sai che mi hai fatto tornare alla mente tantissimi ricordi, che nostalgia, ogni tanto vorrei tornare a quei periodi più spensierati!!! un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tiziana :o)
      Noi non possiamo tornare ai periodi più spensierati... speriamo siano loro a tornare.

      Elimina
  49. tu mi vuoi male!! è uno di quei dolcetti a cui non riesco a resistere, ti sono usciti cosi bene!!

    RispondiElimina
  50. sono uguali, che spettacolo!!!!

    RispondiElimina
  51. ma che belli!!!!!!!! ma sono proprio uguali!!!!!!!!!!!
    bravissima!!!!!! ^_^

    RispondiElimina
  52. Io già li adoro. E dopo la sfida del macarons, questi sono i miei prossimi sulla lista.
    Bellissimi e direi proprio buonissimi!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Becky, grazie i complimenti e per esserti unita ai lettori del blog :o)
      PS Prima o poi mi devo decidere a postare la ricetta che uso per i macarons.

      Elimina
  53. noooooooooooooooo, che meraviglia! che meraviglia.... spettacolari!:-)

    RispondiElimina
  54. Grazie per la ricetts! Ottima anche l'atmosfera. Tornerò a trovarti.

    RispondiElimina
  55. Hi there, all is going perfectly here and ofcourse every
    one is sharing information, that's truly good, keep up writing.


    Also visit my webpage: Vaginal Tightening Gel

    RispondiElimina

Per qualunque commento, o anche per eventuali perplessità, scrivetemi pure. Sarò lieta di rispondervi (nessuna parola di verifica richiesta).

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...