giovedì 24 gennaio 2013

La poesia dei Pici

Non ho mai partecipato all'MTC. In realtà non c'è un motivo ben definito per questa mia
mancanza, semplicemente non era ancora scattato quel click. Sarà che adoro la Toscana,
sarà che girare fra quei colli, quei borghi, mi fa sentire in pace col mondo, fatto sta che 
appena ho visto i pici di Patty il click è scattato e l'idea dei pici mi è rimasta in testa.
Ho mangiato i pici tante volte in Toscana e la maggior parte delle volte li ho gustati conditi
da un ragù proprio come quello preparato da Patty o "semplicemente" con cacio e pepe, che a dirlo pare una roba facile, ma non lo è, credetemi. Ci vuole maestria per farli ad arte.

Dovevo onorare i pici e accompagnarli con un condimento che rendesse loro onore
e che avesse anche un significato per me. Dato che uno degli aspetti più importanti del
nostro mondo di food blogger è la condivisione, ho pensato che qualcosa avrebbe dovuto legare idealmente la terra di Patty e la mia nella ricetta che avrei proposto. 

Oggi le nostre terre sembrano, e sono, così lontane, ma c'è stato un tempo in cui
sono state legate dalla sublime arte della poesia e la scuola siculo-toscana era testimonianza della condivisione fra due terre all'epoca ancora più lontane.
E allora anche i pici, che a loro modo sono anch'essi una poesia, anzi, per dirla usando proprio le parole di Patty "il picio è un canto all'imperfezione", possono essere declinati
in una variante siculo-toscana. Che poi una delle forme poetiche principali era proprio
la "canzone di argomento sublime" e i pici non sono forse sublimi? :o) 

La pasta alla Norma è tipica di Catania, città natale del compositore Vincenzo
Bellini, autore dell'opera lirica "Norma". Pare che il nome della ricetta sia dovuta proprio all'esclamazione di un noto commediografo catanese che all'assaggio disse "Questa pasta 
è una Norma!", proprio per indicare la bontà del piatto. 

Si tratta di un condimento a base di salsa di pomodoro, basilico, melanzane 
fritte e ricotta salata da grattugiare generosamente sulla pasta fumante.
Se volete potete semplicemente friggere le melanzane tagliate a bastoncini, ma io vi suggerisco di passarle prima sotto sale. Solitamente questa manovra si attua per eliminare i succhi amari dalla melanzana, ma diciamoci la verità, le melanzane che si trovano nei
supermercati è da mo' che hanno perso quel sentore di amaro che è valso loro il nome di melanzana (ovvero mela insana). Io consiglio il passaggio sotto sale per una questione di consistenza, per ottenere un risultato più sodo, che non si spappoli condendo la pasta.

Un'ultima cosa. So che mi scriverete che i miei pici sono tutti uguali, ma giuro 
che io c'ho provato a onorare "il canto all'imperfezione" :o) 

Ora che ho finito di raccontarvi di tutto di più, ecco la ricetta.





Per 4 persone
Per i pici ho seguito tutte le indicazioni di Patty e ho pesato l'acqua per avere un riferimento preciso in futuro.
Formate la pasta per i pici unendo 200 g di farina 00, 100 g di farina di semola rimacinata,  2 cucchiai d'olio extravergine d'oliva, 1 pizzico di sale, 150 ml d'acqua (può variare in base alla varietà di farina). Lavorate la pasta col palmo della mano, senza tenderla eccessivamente, per una decina di minuti, quindi lasciatela riposare ben avvolta nella pellicola per circa mezzora. 
Questo riposo è necessario per rendere la pasta più malleabile al momento di formare i pici, quindi non siate impazienti.

Per formare i pici procedete così: tagliate una fetta di impasto spessa 1 cm dal panetto che avete lasciato riposare (così come affettereste una pagnotta); tagliate questa "fetta" a bastoncini larghi 1 cm; lavorate un bastoncino per volta facendolo rotolare coi palmi delle mani sul piano da lavoro e tendendolo mano a mano con dei movimenti delle mani dal centro verso le estremità del bastoncino che passo dopo passo si assottiglierà e allungherà; passate ciascun picio nella farina per non farlo attaccare agli altri e procedete così fino a esaurimento della pasta.
Durante queste manovre ricordate di tenere sempre coperta la pasta che non state lavorando, per non farla asciugare.
Io ho raccolto mano a mano i pici in mucchietti che ho adagiato su un telo infarinato.




Pelate 2 melanzane e affettatele a dischi spessi 2 cm scarsi, quindi tagliate ciascun disco a metà e ciascuna metà a bastoncini larghi quanto lo spessore delle fette. Mettete i bastoncini in un colapasta a maglia stretta (come quella di un passino), appoggiato su una scodella più piccola, alternando uno strato di melanzane e una spolverata di sale grosso, quindi poggiatevi sopra un piattino a misura e un peso (una pentola piena d'acqua sarà perfetta) in modo che la pressione favorisca la fuoriuscita dei succhi dalla polpa per azione del sale.
Dopo circa un'ora, sciacquate i bastoncini di melanzana in abbondante acqua fredda e asciugateli con estrema cura prima di friggerli in abbondante olio fino a che non sono ben dorati. Una volta fritti passateli su carta assorbente.
NOTA: se volete farla completa, prima di passare alla frittura, potete fare come fa mio padre e, una volta sciacquati i bastoncini, metterli un mucchietto per volta in uno schiacciapatate (quello classico forato per fare poi il purè) e "spremerli" per togliere tutto il liquido fino a che non vi si gonfieranno le vene sul collo e sulle tempie e, vibrando per lo sforzo, diventerete così rossi da far preoccupare seriamente chiunque assista alla scena.

Per la salsa tritate finemente 1/2 cipolla e fatela rosolare in olio extravergine a fuoco medio, quindi aggiungete 400 g di polpa di pomodoro e qualche foglia di basilico fresco tritato. Aggiungete il sale alla salsa e aggiungete anche un cucchiaino di zucchero per correggere l'acidità del pomodoro, quindi lasciate cuocere col coperchio fino ad ottenere una salsa di pomodoro leggermente dolce e col profumo di basilico ben presente, che abbia perso quel sentore di pomodoro crudo. Aggiungete un po' d'acqua volta per volta se ritenete necessario prolungare la cottura. 
Quando la salsa è pronta aggiungetevi le melanzane fritte.

Per la cottura dei pici mettete a bollire abbondante acqua salata, tuffateli nell'acqua, aspettate che vengano a galla e controllate la cottura assaggiando perchè sono pronti davvero nel giro di poco.
Scolateli bene e saltateli nella salsa con le melanzane.




Impiattate i pici e completate il tutto con una generosa grattugiata di ricotta salata. Non so quanto sia diffusa questa varietà di formaggio che ovviamente si trova con facilità dalle mie parti, quindi qui sopra vi ho lasciato una foto che vi mostra nel dettaglio l'aspetto che deve avere.




Vi suggerisco di usare una grattugia a fori larghi per ottenere delle vere e proprie scaglie anziché una polvere. Anche se l'aspetto, per via del colore, lascerebbe pensare ad un formaggio molto stagionato, in realtà la pasta della ricotta salata è piuttosto morbida, quindi si amalgamerà alla perfezione alla pasta divenendo un tutt'uno con essa.




Con questa ricetta partecipo all'MTC gennaio 2013


78 commenti:

  1. tesoro! ben arrivata all'MTC...prevedo vittorie per te all'orizzonte! e sarebbero meritate! ottimi i tuoi pici, e i tuoi croissant che mi fanno compagnia ogni mattina...li ho congelati e ogni mattina ne scongelo uno in microonde...è uno dei momenti più belli della giornata. non sono perfetti come i tuoi, e non potrebbero mai esserlo, ma sono davvero la ricetta perfetta. quella che terrò nel cassetto e nel cuore, e mi farà pensare a te ogni volta che li preparerò! ti fischieranno spesso le orecchie! volevo chiederti un altro consiglio: mi piacerebbe provare le nastrine, e lo faccio con le tue ricette perchè vado sul sicuro...ma potrei provarle anche solo di sfoglia o mi consigli la ricetta originale che hai messo tu (magari anche col cacao visto che per me l'arancia è out causa allergia?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie fatina :o)
      Sono stata molto contenta oggi scoprendo che la ricetta dei croissant ti ha dato tanta soddisfazione.
      E' carino pensare che da oggi quando li preparerai ti verrò in mente.
      Se vuoi puoi fare la stessa sfoglia e dargli la forma che vedi nelle foto per le nastrine, ma se sei in vena di sperimentare ti consiglio di farla la prova di quell'altro metodo col burro al cacao spalmato. Fra l'altro ricordo che quella volta con parte della sfoglia finita realizzai qualche croissant bicolore che ancora sono pentita di non aver fotografato. Mi sa che li rifarò :o)
      Fammi sapere.
      Ti abbraccio :o*

      Elimina
  2. Sono troppo contenta che anche tu entri a far parte dell'MTC world! E che inizio stupendo! *_* Un post da incorniciare e una versione da mangiare assolutamente! Ti abbraccio fortissimo :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisa, grazie per l'entusiasmo :o)
      Ricambio il tuo abbraccio.

      Elimina
  3. Adoro anche io la Toscana e ogni volta che ci vado.. di pici ne faccio scorpacciate! Ed hai ragione! Anche il sugo più semplice richiede notevole maestria! Certo è che la tua proposta è davvero deliziosa, lasciatelo dire! :) Un abbraccio e complimenti! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely :o)
      Non è da tutti saper preparare dei pici cacio e pepe cremosi e io sono fra quelli che purtroppo non li sanno preparare :o(
      Baci.

      Elimina
  4. Direi che il condominio dell'MTC ha acquisito un inquilino straordinario! I tuoi pici sono sì perfetti, ma solo perchè sei bravissima, si vede in tutto quello che fai in cucina. Avevo in mente anche io di "ripiciare" facendo un sugo siciliano per legarlo a Pupaccena che ha vinto l'MTC precedente ed è siciliana come te. Il tuo condimento è delizioso, sa di cose buone della tua terra e di terra si deve parlare con i pici!!
    bravissima, as always!
    Francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francy :o)
      PS Ma si può proporre più di una ricetta per l'MTC?

      Elimina
    2. Of course! puoi proporre quante ricette vuoi, senza limite.
      Unico rischio che ti arrivino numero illimitato di "te possino" dai giudici!!! :-)

      Elimina
  5. Valentina, questi pici sono da urlo!!!
    Il post è bellissimo, poetico ed interessante come sempre del resto! ;-)
    Bravissima amica, in bocca la lupo per l'MTC!
    Un abbraccione, Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Roberta :o)
      Dovrei dire "crepi", ma povero lupo.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  6. vedere tutti questi pici in rete mi fa venire una voglia di mangiarli!!
    il tuo matrimonio siculo-toscano è semplicemente perfetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Mogli e buoi dei paesi tuoi", si dice... speriamo che questo matrimonio duri :o)

      Elimina
  7. MI E' VENUTA UNA SUPER VOGLIA DI PICI!!!IN BOCCA AL LUPO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Francy :o)
      Quanto al povero lupo vale quello che ho scritto a Roberta qui sopra.
      Baci.

      Elimina
  8. che delizia questo piatto! Cara sei sempre così brava... è irresistibile non passare anche solo per dare un'occhiata ai tuoi piatti! ;)

    In bocca al lupo per l' MTC !

    Noemi

    RispondiElimina
  9. Mi state facendo crepare da qualche giorno con questi pici.. Prima o poi mi cimenterò anche io!!!! Ottimo il condimento con quella grattata di formaggio... smackkk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia :o)
      Spero che torni a leggere la risposta perchè volevo dirti che da qualche tempo non riesco più a lasciare commenti sul tuo blog.
      Scrivo, il cursore si muove, ma resta tutto bianco e non riesco a vedere cosa sto scrivendo :o(
      Scriverei anche alla cieca, ma in ogni caso non mi lascia pubblicare.
      Un bacione.

      Elimina
  10. Valeeee sto provando a fare la tua crostata di riso...domani ti dico com'è venuta!! :-)
    Questi pici sono fantastici, per non parlare del condimento che quest'estate in Sicilia era il mio piatto preferito!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, mi fa molto piacere :o)
      L'ha provata anche Faustidda e dice che i suoi ospiti sono rimasti contenti. Speriamo sia lo stesso per te.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  11. Ciao Valentina, un sugo stragoloso per dei pici perfetti, sei stata superbrava!!!!!
    Bacioni e buona serata :))

    RispondiElimina
  12. che meraviglia questi pici, adoro questo connubio siculo-toscano...a breve toccherà provarli anche a me! Io all'MTC ho partecipato una volta sola ma è stato divertente...sono sicura che vincerai, sei stata bravissima!complimenti mia cara...ti abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale, tu sei sempre la mia più grande sostenitrice :o)
      Ti abbraccio forte anche io :o*

      Elimina
    2. il mio sostegno lo meriti tutto e sono felice di essere tua "blog-amica"...notte Vale!

      Elimina
  13. Ciao Vale :) Sono stupendi e li hai conditi con uno dei sughi che amo di più... Amo la Toscana e spero di ritornarci presto.. anche io, lì, mi sento in pace col mondo :) Complimenti, un abbraccio forte forte :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale :o)
      Quanto sarebbe bello ritrovarci tutte su uno di quei colli a fare un pic nic e chiacchierare? Già mi immagino uno senario bucolico tipo l'episodio di "Fantasia" de "la sagra della primavera" :o)
      :o**

      Elimina
    2. Wow! :D Sarebbe bellissimo! :D Se si riuscisse a organizzare un mega incontro, io voto per la Toscana ;) :**

      Elimina
  14. Che bello hai piciato anche tu!!!! :D
    Mi fa molto piacere ritrovarti nel nostro folle gruppo , anche perchè la tua bravura la dimostri subito...chi l'ha detto che il picio deve essere imperfetto? Da una brava come te,non mi stupisco di trovare pici perfetti!!!
    La perfezione è una tua peculiarità!

    IL condimento , che te lo dico affà, è perfetto!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Loredana.
      Ebbene sì, ho piciato :o)
      Ero un po' preoccupata all'idea di entrare a far parte di un progetto in cui è prevista la partecipazione ad almeno un certo numero di sfide.
      Spero di sapermi inventare sempre qualcosa di carino per le nuove sfide che verranno.
      Baci.

      Elimina
  15. Amore a prima vista tra me e questa ricetta, con quel formaggio poi... La morte sua! Che favola!!!! Baci

    RispondiElimina
  16. Anche tu caduta nella rete dell'MTC! Ebbrava Vale :) Io resisto alla tentazione, non ce la farei a starci dietro. Ma a furia di vedere tutti 'sti pici in giro sto pensando seriamente di "piciare" anch'io nel week end. Sarà pure il caso che li faccia almeno una volta nella vita prima che mi sfrattano dalla Toscana :D! Esordio strepitoso, non potevi realizzarli meglio. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fede :o)
      Come scrivevo qualche commento più su, l'idea di un vincolo a partecipare ad almeno un tot di sfide mi metteva un po' d'ansia, ma alla fine ho deciso di buttarmi. Speriamo bene :o)
      Un bacione.

      Elimina
  17. Tesoro ti ammiro per il coraggio di essere entrata perché è da gg che mi dico che faccio ci provo o no? È penso sia proprio la seconda di risp!
    Però giuro il tuo ingresso mi ha resa felice e tiferò per te perché di stoffa mia cara nei hai da vendere!
    E che esordio! Complimenti.

    RispondiElimina
  18. qui c' è ben poco da dire!questi tuoi pici mi sembrano perfetti.davvero sai!a parte che son esteticamente stupendi ma immagino il gusto!bravissima.così perfetti nella loro..imperfezione;)bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao lalexa, grazie. Io stessa sono rimasta piacevolmente stupita dal risultato :o)

      Elimina
  19. e che ti dico? se mi si chiede il tuo cibo preferito rispondo "melanzane e cioccolato"; se mi chiedi uno dei miei piatto preferiti, la norma è tra quelli, proprio ai primissimi posti!!! Che voglia di infilarci dentro la forchetta.... bravissima! baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria Luisa :o)
      Allora questi devi provarli... e per dolce melanzane e cioccolato!

      Elimina
  20. Tesoro è un interpretazione meravigliosa dei Pici cosi ricchi di un sugo semplice ma saporitssimo che adoro e che di sicuro regala a questa favolosa pasta una marcia in piu!!!Bacionissimi,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Imma.
      Magari la prossima volta proverò con il ragù napoletano ;o)

      Elimina
  21. Che meraviglia, Valentina. A me non importa se i tuoi pici sono perfetti, mi porto un piattone per fare pranzo oggi :)

    RispondiElimina
  22. Vale!!!!! Che meraviglia anche tu nell'MTC!! Certo che sta roba contagia eh?? :))
    Mannaggia, il problema è solo che ho adesso ho un altro osso duro con cui concorrere.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vale :o)
      Ti ringrazio, ma tu davvero non hai concorrenti da temere.
      Ti abbraccio.

      Elimina
  23. Un bellissimo post per presentare una ricetta semplicemente spettacolosa!

    I pici sono i pici, la norma è la norma... insieme non possono che creare qualcosa di speciale!

    RispondiElimina
  24. I tuoi pici sono tutti uguali!! :-)
    Quindi, tutti perfetti per questo piatto tosco-siculo.
    MA non avevo dubbi...
    abbraccio

    RispondiElimina
  25. sintetica ma efficace: sublimi!

    RispondiElimina
  26. la pasta alla norma l'adoro e ora che ho mangiato i pici so che conditi così devono essere sublimi, è vero.. i tuoi pici sono proprio belli e sembrano tutti uguali ma credo vadano comunque benissimo!!! un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana, grazie :o)
      In effetti devo dire che sono rimasta contenta del risultato e sicuramente questi pici troveranno di nuovo posto sulla nostra tavola.
      Un bacione.

      Elimina
  27. Versione dei pici.. molto ma molto interessante!
    Goduriosa...direi.
    Brava..
    Buona serata!
    Laura

    RispondiElimina
  28. Sei sempre bravissima, non ci sono altre parole. Si vede che cucini con amore e passione.
    alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alice, è un bellissimo complimento :o)

      Elimina
  29. Bravissima non ho mai mangiato i pici,ma adesso bisogna provvedere, mi piace molto questo sodalizio siculo-toscano raffinato :) Rosalba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosalba :o)
      Buttati coi pici. Ho scoperto che sono più facili di ciò che pensavo e danno taaaaanta soddisfazione.

      Elimina
  30. e allora, mentre sono qui con il viso rosssssissimo per lo sforzo prodotto nello schiacciare le melanzane ( eccellente suggerimento) , innanzi tutto ti ringrazio per aver deciso di partecipare e ti do un grandissimo benvenuto ! Ottimo anche il pensiero della contaminazione siculo toscana che mi piace molto. Insomma, grazie di tutto!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  31. Ciao!! Vuoi partecipare alla nostra nuova rubrica "In cucina con te"?? E' molto semplice: fai la tua ricetta, la fotografi e ci mandi il tutto! La pubblicheremo a tuo nome!
    Una nuova collaborazione per un po' di pubblicità a te e a me.
    Per maggiori info http://www.deliziandovi.it/2013/01/in-cucina-con-te/

    Elisa, www.deliziandovi.it

    RispondiElimina
  32. Cara Valentina, Molti complimenti per il blog! Vogliamo invitarti a conoscere un nuovo modo di divulgare, condividere e cercare ricette on line: attraverso bellissime immagini food italiane, in un portale da mangiare con gli occhi...

    Abbiamo centinaia di foodbloggers fra i nostri utenti e migliaia di visitatori al giorno, il tuo blog è molto bello e potrebbe far parte del nostro socialfood!

    Visita adesso http://www.foodlookers.it

    Lo staff Foodlookers

    RispondiElimina
  33. Sei uno splendore ed i tuoi pici sono un'opera d'arte: mettere insieme due tradizioni culinarie ti è riuscito benissimo. La tua classe mi ha davvero toccata ^^ Davvero buon MTC, prima sfida anche per me :) Complimenti.

    Carmela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carmela, grazie. Buona fortuna anche a te allora :o)

      Elimina
  34. ma che meraviglia questo piatto,da mangiare con gli occhi...felice settimana !!!!

    RispondiElimina
  35. Ce l'ho fatta....109 post da leggere e commentare, avendo appena visto che ne ho davanti altri 40 ed il 28 è così vicino, non puoi capire, ma mi stanno uccidendo. Non vedevo l'ora di leggere la tua ricetta. Ero certa che avresti prodotto qualcosa di spettacolare e non mi sbagliavo. Ho dedicato anche io un post alla pasta alla Norma, ma solo perché ho parlato di lei, la meravigliosa Callas e mi sembrava doveroso visto che Casta Diva era il suo cavallo di battaglia. E posso dire che se tu presentassi questo piatto a dei Catanesi DOC, riceveresti applausi a scena aperta e richiesta di bis, perché una tale contaminazione non può che creare un piccolo miracolo. Semplicità, pochi ingredienti di valore e grande amore nell'esecuzione. La nascita di un capolavoro dipende da questo. Hai una manualità invidiabile e la bellezza di questo piatto lo dimostra. Brava Vale, non sai quanto mi faccia piacere che tu abbia esordito nell'MTC con la mia ricetta. Un grande bacio. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Patty, la tua ricetta mi ha subito fatto venir voglia di provare :o)
      Grazie e complimenti per la ricetta. Il risultato mi è piaciuto da matti e di certo entrerà a far parte delle mie ricette abituali. Non vedo l'ora di provarli con altri sughi.
      Un bacione grande :o*

      Elimina
  36. Benvenuta cara nella rete dell'MTC! Una volta entrata, vedrai, non riuscirai più ad uscirne!
    Per essere la tua ricetta d'esordio, è davvero meravigliosa! Complimenti e in bocca al lupo!!!

    RispondiElimina
  37. Questa ricetta è sublime *_* e il tuo blog è fantastico! Complimenti :)

    RispondiElimina
  38. SuperPayMe is the best work from home website.

    RispondiElimina

Per qualunque commento, o anche per eventuali perplessità, scrivetemi pure. Sarò lieta di rispondervi (nessuna parola di verifica richiesta).

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...