martedì 16 aprile 2013

Soufflé à la Vanille (e poesia alimentare)

Della difficoltà di fotografare un soufflé avevo già parlato qui, quindi mi sembra
opportuno non ripetermi, ma una cosa la voglio dire: se mai la caducità della vita 
avesse bisogno di un simbolo, questo sarebbe il soufflé, non ho dubbi.
So che un tema così suggestivo, trattato persino da Dante nella Divina Commedia,
meriterebbe qualcosa di più poetico di un impasto a base di uova (che lo sappiamo bene da dove vengono), ma la verità è che poche cose al mondo ti danno l'idea di quanto sia meglio darsi una mossa e cogliere il momento perchè tutto è fugace, può finire (sgonfiarsi)
da un momento all'altro, in un attimo, in un "soffio". 

***

La parola "soufflé" significa "soffiato" ed in effetti questo nome rende bene l'idea
della caratteristica distintiva principale di questa preparazione: la sua consistenza aerata grazie all'unione di meringa a una base cremosa che può avere diversi gusti.
Nell'immaginario collettivo è il dolce chic per eccellenza, per gli appassionati di cucina 
alle prime armi, un mezzo incubo a causa della sua delicatezza e dell'equilibrio precario 
che gli è valso migliaia di sketch comici in film, serie TV e cartoni animati.
A dire il vero la preparazione non è affatto complicata, ma è fatta di vari piccoli passaggi per cui vi suggerisco di preparare in anticipo sul piano da lavoro tutto il necessario, tutti 
gli ingredienti già pesati, in modo da procedere velocemente senza intoppi.

La ricetta che segue è estratta dal manuale de "Le Cordon Bleu" con una minima 
aggiunta di farina e una piccola modifica circa la quantità di zucchero che mi sono permessa di aumentare leggermente per smorzare la componente d'uovo che 
mi sembrava piuttosto presente.




Per 8 soufflé
Per prima cosa preparate le cocottine: spennelate l'interno con del burro fuso, lasciatele qualche minuto in frigorifero per farlo solidificare, spennelate con un secondo strato di burro fuso e versate un po' di zucchero per rivestire l'interno delle cocottine ruotandole e infine scuotendole per eliminare lo zucchero in eccesso.
Come ultimo accorgimento passate un tovagliolino di carta lungo il bordo interno e precisamente lungo tutta la tipica scanalatura interna caratteristica di questi stampi (nella foto in alto potete facilmente distinguerla nelle cocottine vuote sullo sfondo) eliminando lo strato di burro e zucchero lungo tutta la circonferenza.

Mettete a fondere, senza farli friggere, 60 g di burro in un tegamino dal fondo spesso. Quando il burro si è sciolto versate 40 g di farina 00 setacciata e mescolate rapidamente con un cucchiaio di legno per eliminare tutti i grumi. Aggiungete poco a poco, mescolando di volta in volta per rendere omogenea questa besciamella di base, 250 ml di latte intero. Una volta ottenuta una besciamella corposa, ma ancora fluida, trasferitela in una ciotola capiente e lasciatela intiepidire.
Aggiungete 4 tuorli (tenete gli albumi da parte), 2 cucchiaini di estratto di vaniglia (non aroma, che è chimico) e 50 g di zucchero (ve ne serviranno 100 g in tutto).
Se non trovate l'estratto potete scaldare il latte necessario per la ricetta e aggiungervi i semi di un baccello di vaniglia, e il baccello stesso, lasciandoli in infusione prima di usarlo.

A parte, montate a neve ben ferma i 4 albumi con gli altri 50 g di zucchero fino a ottenere una meringa stabile e spumosa che unirete alla base alla vaniglia, mescolando delicatamente dal basso verso l'alto, per amalgamare i due composti senza che la meringa perda la preziosa aria che ha inglobato e che farà crescere i soufflé in cottura.

Versate il composto negli stampi che avete preparato (io verso fino a poco più in basso  della scanalatura interna), disponeteli su una teglia e infornate a 190° per 20 minuti.
Qui di seguito vi lascio una foto dei soufflé in cottura dopo 15 minuti.




I soufflé vanno serviti immediatamente perchè si sgonfiano rapidamente, il loro interno cremoso collassa, ma questo avvallamento può accogliere creme, una cucchiaiata di gelato freddo che si scioglie col calore o sciroppi golosi che si adattino ad accompagnare il profumo di vaniglia del soufflé. Io ho aggiunto dello sciroppo d'acero e l'ho trovato molto buono.






NOTA: Se volete potete provare ad aumentare leggermente la dose di farina e fare qualche esperimento per ottenere una maggiore stabilità o una diversa consistenza e trovare il soufllé perfetto per voi.


Valentina del blog "La Ricetta che Vale" propone un giveaway in cui chiede 
di proporre una ricetta che vale la pena provare almeno una volta e anche se il soufflé 
non è il mio dolce preferito in assoluto, credo che meriti di essere provato, quindi eccolo.


64 commenti:

  1. mm... devono essere una goduria, poi io adoro la vaniglia!

    RispondiElimina
  2. Ciao Vale, grazie mille :) Sai che non ho mai fatto un soufflé? Ecco, adesso ha una ricetta che è una garanzia e proverò quanto prima ;) Anche secondo me questo dolce rappresenta bene la caducità della vita... io sono una (abbastanza) da carpe diem... parole sante... Ti abbraccio e ti faccio tanti complimenti, grazie ancora :) :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati Vale, è un piacere.
      Un bacione grande :o***

      Elimina
  3. meraviglioso...è vero, il soufflé non è bello da fotografare ma chissà come mai ci riesci sempre a fare foto incantevoli??? volevo chiederti consigli tecnici, posso scriverti una mail in privato??? Fammi sapere se non disturbo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oltre ad essere una foodblogger bravissima, sei anche una ragazza dolce, generosa e disponibile...chissà se un giorno ci incontreremo! io lo spero! grazie di cuore!

      Elimina
    2. Grazie Ale, figurati per così poco. Avrò perso mezzora in tutto e l'ho fatto con piacere.
      Un bacione forte forte :o***

      Elimina
  4. Ciao Valentina, che dire... splendido e gudurioso!!!
    Sei sempre bravissima!!!
    Bacioni, buon lunedì :)

    RispondiElimina
  5. Il sufflè...non ho mai avuto il coraggio di farlo...ma mi hai quasi tentata :)

    RispondiElimina
  6. Tesoro non ho mai fatto il souffle perchè sono certa che non mi crescerebbe nemmeno in forno hahaha..invece i tuoi sono magnifici davvero una nuvola e che vogliaaaa!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Imma, ma mi stupisco di te. Ti lanci in cose ben più complicate :o)
      Un bacione.

      Elimina
  7. Valentina...che nuvola meravigliosa...sono splendidi ! Un abbraccio e buona settimana

    RispondiElimina
  8. Soufflé come metafora della vita... mi piace!! :-)
    PS: mi sa che ci proverò anche io seguendo i tuoi consigli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di certo si abbinerebbe bene alla tua cucina ultra chic ;o)

      Elimina
  9. Eh direi che ci sei riuscita più che bene! io le uova ultimamente non lo sto quasi più mangiando, ma non posso dir loro completamente addio senza prima aver assaggiato un sufflè, mi sembra doveroso. Sento di doverlo assolutamente fare per sentirmi completa:D
    un abbraccio:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooooooo, ti prego non farlo! Una vita senza uova non merita di essere vissuta :o)

      Elimina
  10. Mai preparato un soufflé..! Provvederò con la tua splendida ricetta....e sono pienamente d' accordo con il "darsi una mossa per non perdere l' istante"!!!

    RispondiElimina
  11. Non avevo mai pensato all’associazione tra caducità della vita e soufflè ma il paragone calza davvero a pennello. Dal tutto al niente in un batter di ciglia. “Cogli l’attimo” dovrebbe essere il motto quotidiano ma troppo spesso ci se ne dimentica, almeno io…sbagliando!
    In quanto al soufflè però lo sgonfiarsi è proprio la sua bellezza, anche se da una parte lascia un pizzico d’amaro in bocca, come se fosse una sconfitta. Un soufflè tutto bello gonfio e panciuto non mi darebbe la stessa emozione di quella fossetta al centro, mi sembrerebbe finto. E poi diciamocelo…dove avremmo messo sennò quella golosa colata di sciroppo d’acero? Un bacione bimba, buona settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E poi più grande è la fossetta più sciroppo/gelato/crema ci vuole :o)

      Elimina
  12. NON HO MAI FATTO UN SOUFLEE , A TE è BEN RIUSCITA!

    RispondiElimina
  13. Okay, credo sia arrivato il momento di provarlo!!! :-)

    RispondiElimina
  14. Che spettacolo i soufflè, una vera magia!!!! Un bacione

    RispondiElimina
  15. si, ma..secondo te...se mi proponi vaniglia e sciroppo d'acero io che faccio? questa settimana ho poco tempo ma...non poso non provarli! per liberarti di me devi andare su frutta e frutta secca...allora si, potrei rinunciare causa allergia...ma sciroppo d'acero e vaniglia mi stanno chiamando..................................sei bravissima Vale, non finirò mai di dirtelo e, un giorno, spero di poterlo fare di persona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi credi se ti dico che appena presa la bottiglia di sciroppo in mano ci pensavo? :o)

      Elimina
    2. Questo è un onore per me...io e lo sciroppo d'acero siamo una cosa sola, in effetti *-* Purtroppo sono incasinatissima e ho i bimbi ol virus, ripiego con ricette in archivio ma non mi scapperanno!

      Elimina
  16. concordo il souffle è il dolce che mette in crisi tutto o quasi tutto io non ho ancora mai rischiato, ma a te sembra che siano venuti bene,solo uno si è afflosciato per contenere giustamente il tuo sciroppo, brava un bacio

    RispondiElimina
  17. deve essere una favola ..io non ho mai provato fare un sufflè

    RispondiElimina
  18. E qui bisogna veramente cogliere l'attimo,un attimo davvero intenso direi!Poesia,si pura poesia mia cara!Un baciotto!

    RispondiElimina
  19. Damiana mi ha rubato le parole di bocca...poesia pura, davvero!
    ( e pure golosità, direi....me ne papperei uno seduta stante!!!)
    baciottolo tesoro

    RispondiElimina
  20. E' proprio vero sai,effettivamente c'è della comunione fra il cogliere l'attimo della vita ed il soufflè....
    Semplicemente elegante anche nel suo affievolirsi!
    Z&C

    RispondiElimina
  21. "Un soufflé n'attend pas,ce sont les convives qui doivent l'attendre; ce qui ne doit pas gener l'anphytrion, car on ne vieillit pas à table."
    Bravissima...hai fatto un post meraviglioso su un dolce effimero come l'arcobaleno!!Davvero bello
    Buona settimana
    Betulla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che mi hai insultata in francese, vero? :o)

      Elimina
  22. ciao ! =)mmmm sembra buonissima questa ricetta!!!
    è da tanto che ti seguo e ora ho iniziato una rubrica settimanale anche io, se passi a dare un occhiata mi farebbe molto piacere=) e ovviamente sono graditi ogni tipo di suggerimento =) http://www.styleandtrouble.com/2013/04/kitchen-trouble-cheesecake-ai-mirtili.html

    grazie a presto ele

    RispondiElimina
  23. "l'attimo che fugge e mai più ritornerà"
    Fino ad ora non avevo mai pensato all’associazione tra la precarietà della vita e un soufflè, ma hai ragione il paragone calza perfettaente.
    Foto splendide !
    Baci e buona settimana
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alice.
      E' andata bene che avevo preparato già prima tutto il "set" ed è venuta buona la prima :o)
      Baci.

      Elimina
  24. Mai fatto un soufflé e probabilmente non riuscirei nemmeno a fotografarlo... Ti dirò che il tuo mi ispira molto, con o senza "rigonfiamento"... Un baciotto

    RispondiElimina
  25. È una ricetta che vale si mia cara! Capisco le problematiche foto.. Ahimè non sempre di riesce a cogliere bene tutto anche se tu come sempre sei all'altezza di tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, a volte la foto non è male, ma ti sembra di non essere riuscita ad ottenere proprio quello che volevi.

      Elimina
  26. Non ho mai provato a fare un soufflè...forse per la paura che non mi venga e che non gonfi... però devo dire che a te sono venuti una meraviglia!!!!
    Federica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh posso rassicurarti dicendoti che gonfiare, gonfia... è dopo che non si sa cosa succede :o)

      Elimina
  27. Che dire? Wuaaaaaa!!! stamattina mi rifaccio gli occhi!!!!!
    Da oggi ti seguo, ciaoooo
    Chiara criminiincucina.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, grazie per esserti unita ai lettori del blog :o)

      Elimina
  28. congratulazioni tesorella, sei in un club ristretto! questo non è un premio ma un riconoscimento per i miei blog preferiti. tu sei tra questi. da oggi sei ufficialmente Betty approved! (maggiori info qui:http://elisabettapendola.com/2013/04/15/intermezzo-melodrammatico/ )- ti conferisco il fiocco lo puoi appuntare dove ti pare (anche in bagno) ;) ce l'ha anche Imma di DolciAGoGo nella sidebar! : http://elisabettapendola.files.wordpress.com/2013/04/betty1_02.png?w=600

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisabetta, hai avuto davvero un bel pensiero :o)

      Elimina
  29. Adoro la vaniglia e i tuoi soufflè sono divini, io non sono capace a farli ;)

    RispondiElimina
  30. Non solo ti riesce il soufflé, ma riesci anche a fotografarlo... E' ufficiale, sei il mio mito!

    RispondiElimina
  31. che sofficevolezza!!!! (no, la parola non esiste.... ma rende giustizia alla tua foto!!!!!)

    RispondiElimina
  32. ciao valentina! sn sempre stata reticente ai sufflè perchè mi preoccupa il mio forno!! devo riprovare...i tui sono bellissimi!! ;))

    RispondiElimina
  33. Una vera piccola meravigliosa nuvoletta... e chissà che buono! Io ne mangerei in continuazione, ma sono così difficili, da fare e tu sei stata bravissima anche nelle fotografie!
    baci
    Elli

    RispondiElimina
  34. Questo sufflè stà su solo pochi minuti, ma quanto è buono in quel momento? Proprio come i momenti felici della vita, magari brevi ma rimarranno sempre dentro di noi!! Mi segno la ricetta perchè io non non hai avuto il coraggio di farlo. Un abbraccio Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Emanuela, per le parole poetiche e per esserti unita ai lettori del blog :o)

      Elimina
  35. Mai fatto un soufflé in vita mia, mi incute troppo timore! :-D
    Complimenti per la tua bravura...e il tuo coraggio! :-)
    Baci, a presto!

    RispondiElimina
  36. Favolosa come al solito! Ti seguo sempre con piacere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Martina :o)
      Cliccando sul tuo nome non trovo nessuna informazione e nessun link, come mai?
      Baci.

      Elimina
    2. Ciao! Non ho un blog su blogger, forse è per questo che non trovi niente?

      Elimina
    3. Ah, allora sì, è per questo :o)

      Elimina
    4. ahah ho capito! Comunque ti ho messo nei blog che seguo, per cui mi terrò aggiornata col tuo! :)

      Elimina
  37. Vale che dire...ogni volta che passo da te rimango sempre a bocc'aperta come un baccalà...fai foto meravigliose e ricette originali e interessanti...complimenti tesorina!

    RispondiElimina
  38. How beautiful! I've always wanted to attempt a souffle, but am always so nervous I will mess it up somehow. Now I will have to give it a try!

    RispondiElimina

Per qualunque commento, o anche per eventuali perplessità, scrivetemi pure. Sarò lieta di rispondervi (nessuna parola di verifica richiesta).

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...