venerdì 9 marzo 2012

La Cucina in Valigia: Bruxelles e Bruges

Sono convinta che nessuno di voi può resistere al fascino di una scatola di cioccolatini.
Tenere fra le mani una confezione elegante, magari tenuta chiusa da un fiocco 
da sciogliere pregustando il piacere di togliere il coperchio e vedere quel piccolo
tesoro fatto di forme, colori, decori delicati, granelle golose e ripieni cremosi e speziati.
Bene, a quanto pare il responsabile di queste delizie è Neuhaus, l'inventore della pralina.
Le praline, quei cioccolatini che dovrebbero poter essere mangiati in un solo boccone, 
sono state prodotte per la prima volta a Bruxelles nel 1912 e da allora ne hanno fatta 
di strada riempiendo gli esclusivi laboratori artigianali con creazioni che possono
costare fino a 120 euro al chilo (!)
Io ho avuto la fortuna di visitare questi posti e oggi, per quanto possibile,
voglio provare a farvi fare un giro fra queste meraviglie.
Tutte le tappe principali sono linkate, quindi potete togliervi lo sfizio di curiosare 
nei siti originali che sicuramente vi forniranno informazioni più dettagliate delle mie.




Partiamo subito dicendo che oggi Neuhaus può vantare un'infinità di punti vendita, ma se volete potete varcare la soglia dell'originale laboratorio incorniciato da finestre istoriate attivo dal 1857 a Bruxelles (Galerie de la Reine 25).




Non limitatevi però, perchè se vi trovate nella patria del cioccolato non potete non fare una capatina anche da Godiva, Guylian (avete presente i famosissimi cioccolatini a forma di conchiglia?) e Pierre Marcolini (Rue des Minimes 1) che propone creazioni innovative come quelle che vedete nella foto qui sopra.
Dato che non si vive di solo cioccolato, potete visitare la Galeries St-Hubert, il più antico centro commerciale d'Europa, ma non fatevi ingannare dal termine centro commerciale, perchè si tratta di tre splendide gallerie con tetto a vetrata collegate fra loro. Qui potrete trovare tutto ciò che desiderate (ma veramente tutto) e pranzare.
Dimenticavo, un piatto tipico, per noi decisamente curioso, sono le cozze con le patatine! Di questi molluschi se ne trovano in abbondanza e vi suggerisco di ordinarli gratinati, ma non aspettatevi delle cozze con della mollica di pane condita com'è uso prepararle da noi, bensì immerse in un gustosissimo condimento cremoso dorato in superficie.




Passiamo a cose un po' meno storiche.
Lo so che non depone bene, ma diciamoci la verità... non c'è viaggio senza una tappa al Mc Donald. Io ci sono stata a Namur, una città belga deliziosa, e ho scoperto che esiste un panino chiamato P'tit Moutarde e che in Belgio esiste una catena di fast food chiamata Quick molto simile al Mc.
Dal momento che quando viaggio non posso non andare al supermercato per acquistare prodotti introvabili dalle nostre parti, ho fatto anche un giro in un market di Namur e guarda chi ti vedo... il Capitan Findus (solo che qui si chiama Iglo ed è ancora un signore con la barba bianca, non un belloccio senza fascino come l'hanno trasformato da noi) e la pizza Cameo (che qui si chiama Dr. Oetker).




Ora preparatevi perchè si passa a Bruges ed è qui che è scattata la tragedia. Sapete cosa vuol dire per una con la sindrome dell'assaggio multiplo sentirsi talmente piena da dover rifiutare del delizioso cioccolato gratis?
Perchè tutti voi sarete convinti di poter mangiare cioccolato senza sosta, ma io posso testimoniare che non è così! Se cammini per le strade di un borgo in cui una porta su due da accesso ad un negozio di cioccolato (non scherzo, 50 negozi di cioccolato in un borgo di 20.000 abitanti) in cui, se entri per curiosare, vieni accolto da qualcuno con un vassoio in mano che ti invita ad assaggiare qualcosa, vi assicuro che non è facile arrivare a fine giornata.
E questo non tanto perchè vi sentite male, ma perchè rispondere "no, grazie" davanti a vassoi del genere costituisce un notevole costo psicologico (altro che la Fornero).
Quello che vedete qui sotto, è lo scenario che vi accoglierà al vostro arrivo. Un borgo gotico talmente suggestivo, con battelli che solcano i canali e carrozze per i viottoli, che viene da chiedersi se sia vero.




Come potrete intuire dalle foto che seguono, sono stata a Bruges per Pasqua, giusto per aggravare la situazione :o)
Dovete assolutamente andare al The Chocolate Line dove il cioccolato è lavorato da un giovane dalle proposte talmente innovative da essere rinominato lo "shock-o-latier".




Quando cala la notte, Bruges diventa ancora più magica, i turisti che l'hanno affollata per tutto il giorno scompaiono d'incanto e ci si ritrova a passeggiare per strade antiche al suono degli zoccoli di un cavallo che si avvicina trainando una carrozza.
E che dire delle vetrine notturne? Giudicate voi.





Se la notte è magica, il risveglio può essere da favola. Nei pressi della piazza centrale troverete "La Patisserie". Distese di dolci da forno, al cucchiaio, mignon e tutto quello che potete desiderare. 





Potete sedervi accanto alle vetrate della piccola sala e far colazione guardando i passanti... e a tal proposito... io ne ho viste di cose strane, ma una donna a passeggio con un furetto al guinzaglio mi stava facendo andare il pain au chocolat di traverso e, a quanto pare, la scena non ha attirato solo la mia attenzione. Guardate questi due :o)





Spero anche questa volta che il viaggio sia stato piacevole per chi, per ora, non può partire e utile per chi già medita di fare i biglietti.
NOTA: La mia memoria non poteva certo essere tanto efficiente, quindi per le informazioni più circostanziate mi sono affidata alla mia guida Lonely Planet su cui avevo annotato tutti i punti d'interesse.


34 commenti:

  1. è un bellissimo post con delle fotografie fantastiche... e poi mi piacciono troppo gli "appunti di viaggio"! Il Belgio non lo conosco, mi hai invogliata! A presto!

    RispondiElimina
  2. ma stupende le foto! tutte quelle vetrine di cioccolatini....mamma mia che goduria! bellissimo viaggiare e conoscere le tradizioni del posto!
    abbracci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è cosa più bella. Spero di poter viaggiare di più in un futuro non troppo lontano ;o)

      Elimina
  3. Grazie per questo post è bellissimo e ora che vado a Parigi voglio assolutamente andare a comprare quei cioccolatini (anche se a Milano abbiamo cmq il negozietto XD) ma a Parigi saranno sicuramente più gustosi...*_* chebbelle le tue foto mi piacciono sempre tantissimo <3
    Buona giornata cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie bella. Se scrivi "Parigi" nel motore di ricerca interno trovi anche quella, magari ti torna utile. Un bacione.

      Elimina
  4. mi sono fatta un bellissimo viaggio grazie al tuo post!!l'estate scorsa dovevo andare in belgio in vacanza ma poi purtroppo è saltato tutto...e cosa mi sono persa!!!!!

    RispondiElimina
  5. Omiodio! tu mi vuoi male! :P Adoro Bruxelles e ADORO I CIOCCOLATINI NEUHAUS <3 ho scritto anche una recensione su questi cioccolatini.. ho l'acquolina in bocca :)
    Un bacione!
    Nelly

    RispondiElimina
  6. Ciao Vale, grazie per questo bellissimo giro. Bruxelles e Bruge sono nella mia wish list..un baciotto.

    RispondiElimina
  7. bellissimo post, cerco un volo ...! :-D

    RispondiElimina
  8. grazie per il meraviglioso post!!!
    tra golosi ed eleganti cioccolati e vedute magiche!!
    un'atmosfera da favola!!
    adoro viaggiare e bruxelles è da un pò che è nella lista dei prossimi viaggi...segno tutte le tue utilissime info!
    grazieee

    RispondiElimina
  9. prima di un post del genere dovresti mettre l'avviso "attenzione ai malati di cuore"! che spettacolo!!!

    RispondiElimina
  10. Che fantastico viaggio (ogni viaggio è secondo me fantastico, no?)
    Il Belgio è una meta a me sconosciuta, spero di rimediare presto! :)
    Bacio!

    RispondiElimina
  11. Anche io sono stata a Bruges, un paio di anni fa, e mi è rimasta nel cuore...è veramente una città bellissima!!! E poi tutte quelle cioccolaterie....da svenimento!

    RispondiElimina
  12. Bruges mi manca,ma ci vorrei andare!!!

    RispondiElimina
  13. Foto golosissime...emozioni che ti invidio!

    RispondiElimina
  14. Voglio andare a Bruges da quando l'ho conosciuta in un bellissimo film e devo dire che è proprio come me la immagino. Per quanto rigurda sentirsi satura di cioccolato ti posso capire: ieri sera ho finito il corso di sul cioccolato e 4 ore in mezzo a kg di cioccolato, uova di Pasqua, cioccolatini, e torte a base di cacao, non ne potevo proprio più ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per caso hai visto "In Bruges"? A me è piaciuto molto.

      Elimina
  15. Nooooo, ma tu sei da denuncia!! Credo sinceramente che sia reato pubblicare certe foto...e tutte insieme, poi!! Bruxelles l'ho vista solo di sfuggiata. Di Bruges sono follemente innamorata, anche per le sue cioccolaterie. Non hai pubblicato quelle dei cioccolatini maliziosetti, pero'...sei proprio una signora, brava! ;-))

    RispondiElimina
  16. Ciao Valentina! grazie per questo "viaggio" a Burges, dove non sono mai stata ahimé, il Belgio mi manca tutto. I cioccolatini meravigliosi da soli valgono il viaggio, quel giovane maitre chocolatier è fantastico, mi piacerebbe affondare i denti in un cioccolatino zebrato.. yummm! Ora attendiamo anche il post di Sabrina che fra poco va a Parigi.. che nostalgia.. viaggiare è stupendo!!! bacioni e auguri bella donna!!

    RispondiElimina
  17. ci hai fatto venire voglia di fare un biglietto e raggiungere questi posti magnifici, a presto

    RispondiElimina
  18. Bruges è un borgo di impareggiabile bellezza, così come impareggiabili sono cioccolate e cioccolatini che ospitano le sue vetrine... insuperabili!

    RispondiElimina
  19. Eh Vale... ma che acquolina che mi hai fatto venire!
    Pensa, io sono stata a Bruxelles dieci anni fa in gita scolastica in terza media ed ho un brutto ricordo... ma sai, ha piovuto e nevicato per una settimana intera ed ovviamente ad una certa età non apprezzavo le bellezze che mi circondavano, anche perchè purtroppo con tutto ciò che la città poteva offrire giravano solo musei della flora e della fauna delle fattorie :(..... mah.... Invece il tuo resoconto e le tue foto, sarà l'età diversa :P mi hanno colpito in positivo.... Ci tornerò!
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il modo in cui vengono pianificate le gite mortificherebbe anche il più bello dei posti. Solo visite in luoghi d'interesse "istituzionali" e mai un giro per le strade per farsi un'idea della vita vera del luogo... Ma ti pare che uno si trova in una capitale europea per pochi giorni e passa delle ore al museo della flora e della fauna delle fattorie??? :o)

      Elimina
  20. Che bel viaggio mi hai fatto fare!!!!! Adesso vorrei partire col primo treno e andare a vedere di persona tutte quelle meraviglie :)))))
    Foto splendide, reportage coi fiocchi! I cani che guardano il furetto sono da urlo!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  21. Auguri Valentina!! ciao Giovanni

    RispondiElimina
  22. Tra un mese parto per Barcellona, non vedo l'ora di perdermi nelle calli a gustare tapas seguendo il filo immaginario dei romanzi di Zafòn, di girare a caso dove mi dice il naso, di fotografare stranezze e angoli non convenzionali. Festeggerò là il mio compleanno, non vedo l'ora! Belle foto complimenti, davvero suggestive...e golose! A presto

    RispondiElimina
  23. Meraviglie, meraviglie, meraviglie....

    RispondiElimina
  24. Quante cose che non sapevo... E io che pensavo sempre Perugia! Grazie!

    RispondiElimina
  25. mammamia che meraviglia! meglio non andarci mai a Bruges! mi rovinerei!!!!! :)

    RispondiElimina
  26. Ciao, anche io tempo fa ero una 'fan' della Godiva (cioccolatini che trovavo solo nei duty free degli aeroporti). Poi sono arrivata in una fase della mia vita in cui ci sono stati forti cambiamenti, il cui inizio è combaciato con la 'lettura degli ingredienti' di tutto ciò che vedo. La Godiva è stata una delusione da quando ho scoperto che usa grassi idrogenati per quasi tutte le sue creazioni (almeno in quelle che ho trovato io). Da allora la boicotto, perchè sono sostanze che fanno davvero male.
    Ciao a tutti e buona estate

    Paola

    RispondiElimina

Per qualunque commento, o anche per eventuali perplessità, scrivetemi pure. Sarò lieta di rispondervi (nessuna parola di verifica richiesta).

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...