martedì 17 gennaio 2012

Come preparare uova in camicia infallibili

L'uovo in camicia è una di quelle cose che ho sempre trovato 
affascinanti nella loro semplicità estetica, peccato che prepararlo nel modo
convenzionale che tutti conosciamo (ovvero formare un vortice nell'acqua calda
al centro del quale far scivolare l'uovo) fosse per me un vero incubo.
Questa dritta l'ho trovata nel ricettario del "Sacher".
In realtà avevo letto questa ricetta molto tempo fa, ma solo oggi
mi sono decisa a provare e...
HALLELUJA!!!
La soddisfazione di incidere quella bianca, soffice nuvola di albume
e vederne uscire il colore acceso e lucido del tuorlo è stata totale.




Mettete l'acqua a scaldare sul fuoco.
Rivestite l'interno di una tazza da cappuccino con la pellicola da cucina (non c'è bisogno di avere particolare cura nel far aderire la pellicola alle pareti) e ungetela bene con dell'olio di semi. Versate un uovo crudo nella tazza foderata, tirate su i bordi di pellicola in eccedenza e formate una specie di sacchetto unendo questi lembi e attorcigliandoli su se stessi.




Quando l'acqua sobbolle, adagiatevi il sacchetto (l'acqua non deve essere troppo profonda, il "ciuffo" del sacchetto deve uscire fuori) e lasciatelo cuocere per 6 minuti, quindi tiratelo fuori, immergetelo in acqua fredda e rimuovete la pellicola (verrà via facilmente).
Se siete impavidi preparate più uova per volta in un tegame largo, ma se volete tenervi sul sicuro preparatene uno o due per volta e tenetele da parte fino al momento di servirle.
Salate, pepate e abbinate a quello che preferite.

21 commenti:

  1. Ecco come far diventare un semplice uovo qualcosa di straordinario!

    RispondiElimina
  2. è davvero ben riuscito, grazie per il trucchetto che non conoscevo!

    RispondiElimina
  3. ecco come si fa!!! grazie mille per questa utilissima dritta, che metterò in pratica al più presto!

    RispondiElimina
  4. Delicatissime!!!

    RispondiElimina
  5. Bel trucco, ma io ho sempre usato la tecnica del vortice ed onestamente mi viene un uovo in camicia perfetto. Voglio provare anche la tua tecnica geniale. Grazie per la dritta! Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me questa cosa delle uova in camicia mi ha sempre dato sui nervi! E' evidente che sbaglio qualcosa... :o) Pubblica un post in cui spieghi passo passo come fai e soccorrimi!!!

      Elimina
  6. Questa la provo di sicuro! Mi sono sempre chiesta come facessero a fare delle perfette uova in camicia...

    Sara

    RispondiElimina
  7. per me è stata una rivelazione grazie, ho attinto proprio da te, scusa se non ti ho citato ma per costruire quel post e aggiornare tutti i link del gruppo ci vuole un mucchio di tempo!!
    però ora che rivedo il tuo uovo noto che ho dimenticato di ungere la pellicola, infatti il bianco si è un po' attaccato ma non da compromettere il risultato :-))
    grazie ancora e non abbandonerò più questa tecnica!
    Cristina

    RispondiElimina
  8. Adoro le uova. Ne mangio poche, ma le adoro... Mi sa che stasera ne approfitto per fare un ovetto in camicia :D

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. fatto!
    Ciao
    Cris

    ti aspetto con altre acciughe ok? :-))

    RispondiElimina
  11. Io ho imparato questa tecnica a "La Casa de Las Flores" a Tlaquepaque, in Messico. E' un bed and breakfast gestito da un ex chef statunitense... pensa che gli ho promesso che nn avrei mai pubblicato il suo "segreto" e poi, ecco il tuo post... sei stata anche tu da quelle parti?
    P.S. : Complimenti per il blog...è molto carino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io purtroppo non ho imparato questo trucchetto in Messico, sarebbe stato molto più piacevole, ma sfogliando il ricettario del Sacher. Non dire niente allo chef o ci rimarrà malissimo :o)

      Elimina
  12. Ciao,
    ieri sera ho finalmente provato la tua tecnica per le uova in camicia.
    Sono (è, uno solo) venute bene, solo... quale pellicola hai usato tu? Perché a me quella normale si è miseramente rotta, e ho dovuto ripiegare su dei sacchettini di plastica per alimenti (quelli leggeri leggeri che vendono a rotoli per congelare i cibi), che però mi hanno regalato una deliziosa forma a piramide per l'albume.

    Grazie,
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uso la pellicola comunissima che si trova al supermercato... ma ti si è rotta in cottura o mentre formavi il sacchettino? Ho capito quali sacchetti dici, sarà stato un uovo originalissimo :o)

      Elimina
    2. Ho usato anche io la pellicola normale, e mi si è rotta mentre formavo il sacchettino.
      Ma ho trovato una valida alternativa.
      Se vuoi vedere il risultato, vieni a trovarmi, il post è fresco fresco di adesso :-)

      Ciao,
      Sara

      Elimina
  13. l'uovo in camicia mi ha sempre incuriosita ma non ho mai avuto il coraggio di provare a farle e poi un giorni mi sono imbattuta in un blog (se solo mi ricordassi quale) dove c'era una ricetta simile per le uova in camicia.
    proverò anche la tua.

    RispondiElimina
  14. Ciao, mi pare una tecnica intelligente e potrebbe risolvere il problema a chi come ha sei persone a cena e di antipasto vorrebbe preparare pure' di pane e sopra olio e un uovo in camicia. Il mio problema, in particolare e' che tra il primo e l'ultimo uovo, anche preparandoli in coppia, passano molti minuti e le prime uova si raffreddano. Oppure continuano a cuocere e si induriscono. Hai suggerimenti? Grazie Francesco

    RispondiElimina
  15. Ciao, mi pare una tecnica intelligente e potrebbe risolvere il problema a chi come ha sei persone a cena e di antipasto vorrebbe preparare pure' di pane e sopra olio e un uovo in camicia. Il mio problema, in particolare e' che tra il primo e l'ultimo uovo, anche preparandoli in coppia, passano molti minuti e le prime uova si raffreddano. Oppure continuano a cuocere e si induriscono. Hai suggerimenti? Grazie Francesco

    RispondiElimina
  16. Oggi lo provo..ne devo fare 4 insieme..speriamo bene!!graziee

    RispondiElimina
  17. Basta cuocerlo a 75gradi per 15 minuti

    RispondiElimina

Per qualunque commento, o anche per eventuali perplessità, scrivetemi pure. Sarò lieta di rispondervi (nessuna parola di verifica richiesta).

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...